La “Verza Moretta”, meravigliosa ed ottima in bocca. La sua prima festa a Veronella dal 29 novembre al 1° dicembre 2013.

di admin
Il progresso sotterra le tradizioni, ma la volontà e la tenacia le fanno risorgere nel loro sapore e splendore. E’ il caso del “cavolo-verza moretta”, già coltivata a Veronella ai primi del passato Novecento.

Gli agricoltori locali, il cui impegno nella campagna, non viene mai meno, hanno riportato alla luce un prodotto dal bellissimo aspetto, dalle ottime qualità in cucina e dal grande contenuto vitaminico, visto che le terre sabbiose, ricche di humus, portato dall’Adige, di Veronella permettono a madre Natura di coltivare un sì straordinario vegetale – così l’assessore all’Agricoltura, Luigi Frigotto. Un vegetale che, non solo veniva venduto nel Veneto, ma raggiungeva persino la Valle d’Aosta. Dopo la seconda guerra mondiale la “verza moretta” bene figurava anche sui mercati della Germania.
Raccolte rigorosamente a mano nel le verze vengono riposte, ancora nel campo, in cassette di legno e, quindi custodite in luoghi bene areati. La freschezza del vegetale si mantiene sino a trenta giorni dal momento del raccolto. A Veronella, non più solo il pur importante radicchio, quindi, ma anche nuovo verde…, mentre tradizione s’aggiunge a tradizione: ancora oggi, gli agricoltori che dedicano la loro attenzione alla verza moretta, usano attrezzi d’un tempo: raccolti i semi per la riproduzione, li ripuliscono con il “tamìso”, raccolte le pianticelle, le mettono a dimora in fori praticati nella terra, con il “caùcio” e, per staccare la verza matura dalla parte di torso, che rimane in terra, impiegano la “stégàgna”. Tre attrezzi che in italiano prendono rispettivamente i nomi di “setaccio”, di corto “bastone appuntito” e di “accetta”.
In onore della rinata “verza” – quasi a testimoniare le qualità del dolce vegetale, oggi coltivato da 6 aziende agricole – il cav. Giovanni Rana, che di alta cucina se ne intende e, peraltro nativo di Veronella, ha fatto predisporre i “ravioli alla verza moretta”…
Hanno presentato ufficialmente la 1ª Festa della Verza Moretta di Veronella, con relative degustazioni, accompagnate da vino dìArcole, il sindaco della cittadina, Michele Garzon; l’assessore comunale all’Agricoltura, Giuseppe De Mori; il presidente di Coldiretti e del Consorzio Agrario, Verona, Claudio Valente, che, fra l’altro, ha evidenziato “il buono ed il bello”, che offre l’agricoltura, anche con riferimento alla salute, e il presidente di zona di Coldiretti, Andrea Corso. Info: 0442 450615, Comune di Veronella.
L’agricoltura, come base essenziale della vita, ha sempre qualcosa di nuovo da proporre, ma non bisogna dimenticare che essa significa impegno e sacrificio di chi, in essa opera.

Condividi ora!