Specialità gastronomiche e pubblicità turistica di Innsbruck nel Cotile del Tribunale, in occasione del IV “Librar Verona incontra Verona gustosa”, nei giorni 18-20 ottobre 2013.

di admin
Si rafforzano le relazioni fra la città di Andreas Hofer e la città di Cangrande della Scala.

Una delegazione ufficiale dell’Ente Turismo di Innsbruck, www.innsbruck.info, guidata dal presidente, dr. Karl Gostner, sarà a Verona nei giorni 18-20 ottobre prossimi, per fare conoscere ai veronesi ed ai visitatori di “Librar Verona”, in due stands, tradizioni, gastronomia, storia e opportunità turistiche, anche invernali, che la vicina Città delle Alpi sa di poter offrire, con la caratteristica ospitalità, che la distingue. La delegazione tirolese è composta, oltre che dal dr. Gostner, dal deputato alla Regione Tirolo, Rudi Federspiel, peraltro, competente per le relazioni con l’Italia, e da Hermann Weiskopf, ottimo direttore dell’Ente Turismo stesso, per le splendida zona montana di Axams-Lizum, www.innsbruck.info/axam, situata a circa venti minuti dall’uscita autostradale di Innsbruck-Süd. Nel quadro della partecipazione a “Librar Verona” – libri, gusto, stands ed aiuto al Progetto Roberto – Innsbruck farà ascoltare le sue musiche popolari, eseguite dalla Tiroler Musikkapelle, banda musicale tirolese in costume, che si esibirà probabilmente in Piazza Dante, alle ore 11 di domenica 20 ottobre.
La delegazione sarà ospite, la sera del 17 ottobre, presso il nuovo Ristorante Mamma mia di Piazza Bra, esercizio caratteristico, perché volutamente pensato come antica osteria, dai tradizionali piatti e dai vini veronesi, serviti in un ambiente dalla perfetta atmosfera locale, informale ma elegante, con vista diretta sull’eterna bellezza del Salotto di Verona. L’azienda agricola Poltretti, completerà l’accoglienza, con calici d’Amarone e di Ripasso di qualità, dalla stessa prodotti, sulle ridenti colline di Verona, in zona Torricelle. In pratica: la cultura del Tirolo incontra la cultura di Verona, in una colorita manifestazione popolare, organizzata dalla Provincia e patrocinata dal Comune.
Un complesso d’iniziative, quindi, che tendono a realizzare sempre migliore conoscenza reciproca, a rafforzare i rapporti d’amicizia, a creare maggiore comprensione fra le genti e a dare ulteriore impulso alle rispettive economie. Genti, dicevamo, non tanto lontane fra loro, se è vero che Innsbruck – con il suo centro antico, con il suo “Tettuccio d’oro”, con le sue montagne ed il suo Inn – si può raggiungere facilmente da Verona in autostrada, in circa tre ore e, altrettanto, comodamente, con i treni della Deutsche Bahn (DB) o della Österreichische Bundesbahn (ÖBB). Visitare Innsbruck significa poter ammirare l’antico nel moderno e assaporare, cambiando, una volta tanto, una curatissima gastronomia, frutto di antica tradizione tirolese, bagnata da freschissima e bionda birra. Da ricordare: l’italiano, a Innsbruck, è di casa.

Condividi ora!