Il razzismo europeo

di admin
Nell’ambito dei seminari sulle Scienze delle religioni il Centro Studi del Fenomeno religioso organizza l’incontro con Alberto Burgio martedì 24 settembre dalle 14.30 alle 18.

Fronte Nazionale di Le Pen in Francia, Alba Dorata in Grecia, Jobbik in Ungheria, Ukip e British National Party in Gran Bretagna, Wilders nei Paesi Bassi e Perussuomalaiset in Svezia sono solo alcune delle numerose forze populiste xenofobe esistenti in Europa e che riscuotono ancora un certo consenso tra gli elettori. Non da meno è l’Italia, dove alcuni esponenti politici hanno attaccano in modo sistematico e con un linguaggio violento e razzista la prima ministra nera della storia della Repubblica.
Si parlerà del “Razzismo europeo” martedì 24 settembre dalle 14.30 alle 18 con Alberto Burgio, docente all’Università di Bologna, il cui intervento ha per titolo “Una questione di confini” e Davide Assael, collaboratore della Fondazione Centro Studi Campostrini, su “Le radici antisemite della xenofobia europa”, in via Santa Maria in Organo, 2/4, a Verona.
«Una cittadina greca, intervistata dalla televisione italiana – spiega Davide Assael –, sosteneva che la crisi più grande che sta vivendo il suo Paese è quella politica e morale, come mostra il fenomeno di Alba Dorata. L’emergere di pulsioni xenofobe e antisemite si sta espandendo come un contagio in tutte le aree del Continente, da Nord a Sud». Complici le difficoltà economiche, l’Europa sembra moralmente regredire e tornano ad affacciarsi pulsioni che sembravano sopite dopo il secondo conflitto mondiale. Un fenomeno che merita di essere osservato e pensato prima che ci frani addosso.
Alberto Burgio dal 1993 è docente di Storia della filosofia all’università di Bologna ed esperto di Filosofia politica e critica del razzismo. Nasce a Palermo nel 1955, si è laureato in Lettere moderne a Pavia e in Filosofia a Milano. Dal 1989 al l993 ha svolto l’attività di ricercatore alla facoltà di Magistero dell’Università di Urbino. È membro del comitato editoriale di “Studi settecenteschi” e del Comitato di direzione di “Marxismo oggi”. È membro del Präsidium della Internationale Gesellschaft für dialektische Philosophie – Societas Hegeliana, nell’ambito della quale svolge, dal 1991, le funzioni di segretario generale.

Condividi ora!