Un anno di intensa attività della Prefettura di Verona. I grandi settori, in cui l’Istituzione si è vista profondamente impegnata nel 2012.

di admin
La Prefettura rappresenta il Governo entro i confini della provincia e, come tale, i suoi compiti sono molteplici e di grande impegno. L'azione svolta nel 2012, obiettivamente complessa e altamente costruttiva, ha dato risultati validi e importanti, nei diversi settori della vita pubblica del Veronese. Ne ha parlato, il 22 dicembre, nel cittadino palazzo del…

I temi, sui quali è stata maggiormente volta l’attenzione, sono quelli della sicurezza e della prevenzione di eventi dannosi, dovuti a fattori atmosferici. In merito, se sinora si è fatto il massimo, il prefetto, Perla Stancari, ha sottolineato la volontà di raffozare la sicurezza in città, in provincia e presso l’Aeroporto Catullo e di intensificare, prevenendo il più possibile, l’attenzione al territorio (per i casi di alluvione, eventi sismici, viabilità, sicurezza ambientale, sicurezza dello scalo ferroviario di Verona), al rischio industriale, alla ricerca di persone scomparse e ad altri elementi importanti per la società. Il tutto anche con l’introduzione di nuove tecnologie, atte a meglio controllare il territorio, tenendo presente la sua evoluzione ed l’antropica dello stesso, e a trovare idonee soluzioni.
La Prefettura ha predisposto un dettagliatissimo volume di quasi cento pagine, dal quale risultano dati di prima mano sulla situazione generale in tutta la Provincia. Ciò, avendo particolare riguardo alle “categorie sociali, oggi più fragili, per effetto delle crisi aziendali” e, particolarmente, ai giovani senza lavoro. Non solo. “La Prefettura” – si legge – “rendendosi interprete delle esigenze reali d’un territorio in costante mutamento, intende sostenere il potenziale positivo, che emerge dalla vivacità imprenditoriale veronese, da una diffusa cultura e rispetto della legalità e solidità sociale, nonché dalla varietà e solidità delle associazioni di volontariato”, volontariato, aggiungiamo, la cui operosità ed immeditezza d’intervento meritano lode e riconoscenza.
Porre in luce qualche particolare, potrebbe dare una visione molto parziale dell’operato della Prefettura veronese, mentre un esame del contenuto del resoconto “Un anno di attività” – anno 2012 – dà una visione completa del grande lavoro svolto, non trascurando i necessari dati economico-sociali, come risulta dalle seguenti voci introduttive: Situazione economica e sociale, Mercato occupazionale, Indicatori di disoccupazione, Crisi aziendali, Tavoli di mediazione socio-economica, Prevenzione della violenza e dell’abuso sui minori e della violenza domestica, Sicurezza sui luoghi di lavoro, Tossicodipendenza e disagio sociale, Sicurezza pubblica, Criminalità, Furti (con strappo, con destrezza, in esercizi commerciali, in abitazioni, su auto in sosta, di autovetture) e rapine (in banca, in uffici postali, in abitazioni, in esercizi commerciali, in pubblica via), Protocolli di legalità e patti per la sicurezza, Estorsione ed usura, Criminalità organizzata, Traffico di stupefacenti, Prostituzione, Contratti ed appalti pubblici – attività antimafia, Attività di prevenzione nei confronti di pubblici esercizi, Protezione civile, Immigrazione e attività dello sportello ad essa relativo, Emergenza Libia, Protezione internazionale a cittadini stranieri, Azione di Governo in materia di Polizia amministrativa e di Sicurezza stradale, Controllo sugli Organi degli Enti locali, Consultazioni elettorali e vigilanza sui servizi demografici.
La Prefettura ha predisposto un “Vademecum per la prevenzione di furti e rapine”, un “Vademecum per la sicurezza delle attività commerciali” ed un “Vademecum antiusura ed antiestorsione”, per contrastare, con opera d’informazione e di convincimento, tali reati.
I vademecum sono disponibili in tutti i Comuni e nei posti di Polizia e saranno, al più presto, immessi in Internet.
L’impegno della Prefettura e delle Forze del’Ordine, in collaborazione con Comune e Provincia, è, alla luce dei fatti, incisivo e costante, a garanzia del migliore vivere civile.

Condividi ora!