SERVIZIO CIVILE NAZIONALE. 5000 GIOVANI VENETI IN 5 ANNI ATTIVITA’. SERNAGIOTTO: “SERVIZIO CIVILE GIOVANI E ANZIANI E’ RICCHEZZA PER TUTTI. IMPEGNO A ELEVARE RISORSE REGIONALI PER GIOVANI A 700 MILA /1 MILIONE EURO”

di admin
Il servizio civile nazionale nel Veneto, dal 2007, primo anno di attività, al 2011 è stato svolto da oltre 5000 giovani tra i 18 e i 29 anni di cui 913 (710 ragazze e 203 ragazzi) hanno risposto a un questionario dell’Università di Padova sulla loro esperienza, presentata stamani in un convegno a Mestre, all’Auditorium…

L’Assessore regionale ai servizi sociali e alle politiche giovanili Remo Sernagiotto nel suo intervento ha sottolineato che nel Veneto sono “attivi e funzionanti, oltre al servizio civile nazionale, anche lo specifico servizio civile regionale e il servizio civile degli anziani: una vera ricchezza per tutta la nostra società. Dobbiamo continuare a implementare questa ricchezza – ha detto – e perciò mi impegno a far sì, tramite anche il coinvolgimento delle Fondazioni Bancarie, che il consiglio regionale aumenti le risorse destinate ai giovani portandole dai 500 mila euro attuali ai 700 mila precedenti o a un milione di euro”. Inoltre egli ha sottolineato come, a suo giudizio, “il servizio civile dei giovani potrebbe essere utilmente impiegato da parte delle istituzioni per combattere la dilagante dipendenza dal gioco d’azzardo”.
La ricerca, curata dall’Università di Padova, ha consentito di fare un bilancio ragionato di quanto è stato spendibile per i giovani il servizio civile, nella vita di tutti i giorni e nel mondo del lavoro, e del giudizio dato dai giovani volontari quest’esperienza e delle aspettative rispetto al controverso futuro del Servizio Civile Nazionale.. All’incontro hanno partecipato centinaia di ragazze e ragazzi e ha dato voce ai diretti protagonisti: agli enti promotori dei progetti (associazioni, cooperative, enti pubblici) e, in particolare, ai giovani che hanno vissuto intensamente “un anno in servizio” come esperienza impagabile per l’entrata nel mondo del lavoro e per la cittadinanza attiva.

Condividi ora!