Energia, dal 1° luglio fine del mercato tutelato. Cosa c’è da sapere?

di admin
L'inizio di luglio rappresenterà un'altra data storica per il settore energetico dopo il 1999 e quel "decreto Bersani" che liberalizzò il mercato degli operatori. Ne parliamo in studio con Romano Stefani, direttore commerciale di Dolomiti Energia.
Con la scadenza del 1° luglio 2024 che segnerà la fine del mercato tutelato dell’energia, i consumatori italiani si trovano di fronte a un importante cambiamento nel modo in cui acquistano elettricità e gas. Verona Economia ha avuto l’opportunità di parlare con Romano Stefani, direttore commerciale di Dolomiti Energia, per comprendere meglio le implicazioni di questo passaggio e come i consumatori possono prepararsi al meglio.
Stefani ha sottolineato che, dopo numerosi rinvii, il mercato regolato dell’energia cesserà definitivamente di esistere dal 1° luglio 2024, ad eccezione per i clienti definiti vulnerabili. Questo cambiamento, dettato da una direttiva comunitaria, mira a promuovere una maggiore concorrenza e trasparenza nel settore energetico, offrendo ai consumatori la possibilità di scegliere tra diverse offerte nel mercato libero.
«Dal 1° luglio, chi non avrà effettuato una scelta autonoma verrà automaticamente assegnato a un fornitore selezionato tramite asta dall’autorità» ha spiegato Stefani. «È fondamentale, quindi, che i consumatori inizino a informarsi per fare una scelta consapevole e sostenibile».
Dolomiti Energia, come molti altri fornitori, ha intrapreso un’azione informativa mirata per aiutare i suoi clienti e i consumatori in generale a navigare in questo nuovo panorama. L’azienda, che si distingue per la fornitura esclusiva di energia green, invita i consumatori a valutare attentamente le varie offerte disponibili, considerando non solo il prezzo ma anche la qualità del servizio e l’impatto ambientale.
Le stime di ARERA indicano che circa 4,5 milioni di clienti devono ancora compiere la transizione al mercato libero, una cifra che evidenzia l’importanza di una comunicazione efficace e di strumenti informativi accessibili a tutti.
Nonostante i recenti turbamenti del mercato energetico, con rincari senza precedenti nel 2022 e un successivo assestamento nel 2023, Stefani si mostra cautamente ottimista riguardo al futuro. «Stiamo assistendo a un graduale ritorno alla normalità dei prezzi, che oggi si attestano su livelli non visti da oltre due anni» afferma il direttore commerciale. Tuttavia, avverte che i prezzi pre-pandemia potrebbero non tornare a causa delle mutate dinamiche di approvvigionamento del gas.
La fine del servizio di maggior tutela rappresenta un momento decisivo per il settore energetico italiano. Per i consumatori, è l’opportunità di esercitare maggiore controllo sulle proprie scelte energetiche, privilegiando fornitori che offrono non solo condizioni economiche vantaggiose ma anche un impegno verso la sostenibilità.

Leggi ora

In Evidenzia

Progetto Fuoco 2024: in fiera a Verona 45mila operatori

di Redazione | 02/03/2024
Progetto Fuoco 2024 - VeronaFiere - EnneviFoto

Donazzan a Bardolino per il convegno sulla scuola: «Temi delicati»

di Redazione | 02/03/2024
Tavola rotonda Snals-Confsal - assessore Donazzan

Turismo: Verona è una città che sa adattarsi alle tendenze

di Redazione | 01/03/2024

Destination Verona & Garda Foundation in partenza per Berlino

di Redazione | 01/03/2024

Turismo culturale, Veneto seconda regione d’Italia

di Redazione | 01/03/2024
Coda davanti al Cortile di Giulietta a Verona.

Energia: mercato stabile, ma più caro rispetto al pre-crisi

di Redazione | 29/02/2024
Contatori di energia elettrica in un palazzo (Foto archivio).

Geometri, è boom di pre-iscrizioni

di Redazione | 28/02/2024
Romano Turri e Nicola Turri del Collegio dei Geometri di Verona.

Le Piazze dei Sapori 2024, ecco le date: dal 9 al 12 maggio

di Redazione | 27/02/2024

Yeah, dieci anni nel segno dell’innovazione e dell’inclusione sociale

di Redazione | 27/02/2024
Cooperativa YEAH

Condividi ora!