Confindustria Verona, CGIL, CISL E UIL: sottoscritto l’accordo per il Fondo Nuove Competenze

di admin
Grazie alla firma anche le aziende senza rappresentanza sindacale possono accedere a questa agevolazione.

Nella convinzione che la formazione rivesta un ruolo strategico per garantire una piena valorizzazione professionale del capitale umano e al tempo stesso per sostenere le imprese nel processo di transizione digitale ed ecologica Confindustria Verona e Cgil Cisl e Uil locali hanno sottoscritto un accordo territoriale che consente a tutte le imprese della provincia, prive di rappresentanze sindacali, l’utilizzo del Fondo Nuove Competenze.
Il Fondo rimborsa gli oneri retributivi e contributivi delle ore destinate alla formazione di lavoratori inseriti in percorsi formativi di aggiornamento delle competenze digitali e green in seguito a processi di innovazione.
«Grazie a questo accordo e alla fattiva collaborazione con le organizzazioni sindacali, tutte le imprese del veronese, associate o meno a Confindustria, potranno usufruire delle agevolazioni del Fondo Nuove Competenze, uno strumento utile che favorisce la formazione continua legata a processi di innovazione su green e digitalizzazione, sfide quanto mai importanti per il nostro tessuto economico. – ha spiegato Giangiacomo Pierini, vicepresidente con delega a capitale umano e politiche per i giovani di Confindustria Verona – Siamo tutti d’accordo che la formazione e la valorizzazione del capitale umano sono la base per lo sviluppo sostenibile del territorio».

Il Fondo nello specifico

In particolare, il Fondo Nuove Competenze riconoscerà contributi finanziari in favore di tutti i datori di lavoro privati che, in seguito a processi di innovazione, abbiano stipulato accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro e realizzazione di un percorso formativo di aggiornamento delle professionalità dei lavoratori.
Tali accordi devono essere sottoscritti a livello aziendale o territoriale dalle Associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, o dalle loro rappresentanze sindacali operative in azienda entro il 31 dicembre 2022. (art. 88, comma 1 del Decreto Legge n. 34/2020, dell’art. 4 del Decreto Legge 14 agosto 2020 n. 104 e del Decreto Interministeriale del 22 settembre 2022)
Il Fondo rimborserà il 100% dei contributi previdenziali e il 60% della retribuzione oraria delle ore destinate alla formazione per lo sviluppo delle nuove competenze, da un minimo di 40 fino ad un massimo di 200 ore per ogni lavoratore.

Condividi ora!