Uno strumento utile per le azienda? I carrelli elevatori, e gli usati sono validi

di admin
Carrelli elevatori: tutti i tipi di usato I carrelli elevatori sono uno strumento industriale indispensabile per le aziende.

Sono dotati di postazione di comando e ruote e permettono lo spostamento delle merci all’interno di magazzini o più semplicemente in depositi di logistica. Si tratta di mezzi operativi dalla storia lunga oltre un secolo e che hanno subito diversi cambiamenti nel corso del tempo. Se in passato i carrelli elevatori servivano semplicemente a spostare un prodotto da una parte all’altra, adesso vi sono alcuni modelli che lavorano più di precisione. Ciò che è certo è che, di base, ogni muletto (viene chiamato anche così in gergo tecnico) può essere utile per tenere in ordine la merce in un deposito ma anche per effettuare ogni operazione di spostamento in modo pratico, sicuro e veloce.
 
Ci sono diverse tipologie di carrelli elevatori, in particolar modo per chi sceglie di comprarne usati. Ecco quali sono i più utilizzati.
 
Carrelli elevatori usati diesel
 
Nel mercato dei macchinari di seconda mano, i carrelli elevatori usati dieselsono tra i più diffusi. Si tratta di mezzi alimentati con il combustibile, perfetti da adoperare outdoor. Solitamente, i carrelli elevatori con diesel hanno una conformazione di struttura diversa rispetto agli altri: sono più alti e ciò è dovuto anche alle gomme utilizzate, decisamente più grandi del solito. Per questa ragione vengono spesso usati negli spazi aperti, in terreni poco agevoli e per effettuare anche complicati spostamenti delle merci. C’è da dire che un altro vantaggio considerevole dei muletti alimentati a diesel ha a che fare, altresì, con l’autonomia del mezzo, decisamente più lunga rispetto agli altri. Va da sé che un carrello elevatore a diesel può essere impiegato anche per otto ore al giorno, senza sosta. E nel momento in cui necessiti di una ricarica, questa avviene in pochissimi minuti, senza dover collegare il mezzo ad una presa di corrente.
 
Carrelli elevatori usati elettrici
 
Un’altra tipologia di muletti molto acquistati sono quelli ad alimentazione elettrica. Il loro luogo ideale di lavoro è interno, per cui non sono particolarmente indicati per lo stoccaggio di merci outdoor. Tra i vantaggi di questi mezzi abbiamo la silenziosità, la pulizia, la mancata emissione di gas inquinanti e la comodità di utilizzo. Posto che si tratta di mezzi completamente privi di motore e alimentati con il solo utilizzo di luce elettrica, i carrelli elevatori di questo tipo subiscono anche scarsi livelli di vibrazione, migliorando quindi le prestazioni in modo notevole. Necessitano di circa un’ora per poter ricaricare la batteria.
 
Va evidenziato, infine, che si tratta di mezzi a basso costo, non inquinanti e che permettono ottime prestazioni senza l’uso eccessivo di denaro. Per cui parliamo di muletti sicuramente molto vantaggiosi.
 
Altre tipologie di carrello elevatore
 
Fino ad ora abbiamo visto due tipologie di carrelli elevatori usati che si differenziano tra loro per la sola alimentazione. Vediamo ora altri tre modelli che si contraddistinguono per le peculiarità d’uso. Il muletto elevatore frontale è il più utilizzato poiché estremamente versatile. È formato da un’unità di sollevamento composta a sua volta da un montante e da forche distanti anche 1,20 metri tra loro. Può essere usato in ogni contesto lavorativo poiché offre ottime prestazioni.
 
Il carrello elevatore laterale si contraddistingue per l’uso di forche posizionate lateralmente ed è adatto al trasporto di merci ingombranti e lunghe, in particolar modo in spazi ristretti. Per quanto concerne i commissionatori, questi possono trasportare fino a 2.000/2.500 kg di merce e si contraddistinguono per la cabina di guida che, a differenza degli altri modelli, viene alzata fino all’altezza che si vuole raggiungere durante la fase di sollevamento e recupero dei prodotti da alti scaffali. Si caratterizzano per diverse altezze di sollevamento, che vanno da quelle molto alte fino alle basse

Condividi ora!