Enrica Claudia De Fanti, Casaleone, Verona.

di admin
Attivissimo vulcano d’iniziative per la valorizzazione e la promozione del Basso Veronese e del suo Radicchio rosso di Verona, in collaborazione con Pierfilippo Franzini, presidente della Confraternita del pregiato Radicchio di Casaleone.

Non basta parlare. Occorre realizzare. Non è sufficiente raccontare, magari lodandolo, di un territorio. Bisogna presentarlo, farlo vedere, attirando possibili interessati… Non basta parlare di prodotti locali, bisogna fare vedere come si producono e, quindi, mostrarli e farli dovutamente degustare…, possibilmente in loco. Questo, e non è poco, è quanto, dal 1994, dopo decenni di laboriosa e difficile autointroduzione nella vita, sta ponendo in atto, l’assidua Enrica Claudia De Fanti, Casaleone. Ogni idea, ogni parere, che possano prestarsi a fare conoscere, nel dettaglio, il Basso Veronese, o Basso Adige, o, ancora, Pianura Veronese, è presa immediatamente in attenta considerazione da Enrica Claudia, pronta ad ogni impegno e sacrificio, per fare sconoscere e valorizzare la sua feconda terra. Una terra dalle mille risorse, che, avvolte nel velo del tempo, in parte dimenticate, e, quindi, poco note, vanno vigorosamente riscoperte… Parliamo di tradizioni, di paesaggio, di religione, di storia, di arte e di prodotti d’un fecondo suolo, in buona parte, creato dalle numerose divagazioni atesine dei tempi che furono. De Fanti, già attivissima presidente della Pro Loco Carpanea di Casaleone, Verona, Pro Loco creata nel 1999, enricaclaudia@gmail.com, da lunghi anni, realizza eventi a non finire, che attraggono visitatori nella sua terra, i quali si rendono, quindi, perfettamente, conto dell’importanza di un territorio, che, come si diceva, non è molto noto e, quindi, fonte di sorprese, sotto vari aspetti, primi fra tutti, quelli naturali, e, non ultimo, quello di ottimi piatti tipici locali. Fra le manifestazioni annuali, organizzate dalla Pro Loco Carpanea, della quale De Fanti è stata, fino a poco tempo fa, presidente, in stretta collaborazione con Pierfilippo Franzini, presidente della Confraternita del Radicchio Rosso di Verona e, inizialmente, ambasciatore, per così dire, della Pro Loco stessa, presso varie manifestazioni provinciali e venete, meritano particolare segnalazione: il grande ed annuale Concorso Gastronomico Interregionale Radicchio d’Argento; la Festa della Semina del Radicchio Rosso di Verona, la Valorizzazione del percorso ciclistico Ostiglia-Treviso, sull’ex linea ferroviaria omonima; la Cena dei Briganti – coloro che combattevano la presenza austriaca nell’Ottocento, Sulle vie delle Grandi Valli veronesi, il Basso Adige si è presenta… e molte altre, fra le quali dominano conferenze, convegni e mostre, destinati ad animare Casaleone stessa e l’amato Basso Adige, creando cultura ed attrazione turistica. Validissima l’iniziativa di avere presentato, a suo tempo, il Radicchio Rosso di Verona, presso il Mercato di Innsbruck e di avere ospitato, anche, una troupe televisiva austriaca, dotata di droni, per la ripresa diretta della raccolta del citato e pregiato Radicchio Rosso. Non solo: è recente l’illustrazione delle caratteristiche del rosso vegetale invernale, presso l’Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere, Verona, nonché la presentazione dello stesso e del riso Vialone Nano dell’Azienda Agricola Sbizzera, Sustenenza, ad Oeiras, Portogallo, in occasione del XIV Congresso delle Confraternite Enogastronomiche Europee, del novembre 2016. Un’attività, quella di E. C. De Fanti, senza sosta, a titolo completamente gratuito e meritevole, quindi, di attenzione e di somma lode: azione, che fa pensare anche alla considerazione: se non ci fosse il volontariato…! Oggi, De Fanti è presidente dell’Associazione Culturale “La Pianura” – la citata Pianura Veronese – avente per scopo la promozione del Basso Adige e con sede in 37058 Sanguinetto, Verona, via Giovanni XXIII 9a, tel. 044 23 31 980,enricaclaudia@gmail.com.Afferma, infatti De Fanti: Mi sta molto a cuore la promozione del territorio e dei suoi pregiati prodotti, per cui intendo portare avanti progetti indirizzati allo sviluppo del turismo rurale e di quello, oggi, definito Turismo lento, ossia, il turismo in bicicletta, a cavallo e a piedi, su camminamenti classici. In questo quadro, spero che venga realizzata la ciclabile dell’Ostiglia – Treviso, che come molte tratte ferroviarie dismesse, si presta al turismo ciclabile e darà un riscontro economico importante al territorio, dando lavoro a molti giovani. Come sempre, l’associazione da me preferita è la Confraternita del Radicchio rosso di Verona, perché rappresenta le nostre “grandi valli veronesi” e la ruralità del nostro paesaggio, ma, importantissima è, oggi, anche l’Associazione Culturale LA PIANURA – aggiunge Enrica Claudia De Fanti, come in precedenza da noi citato – che si occupa principalmente di turismo culturale e storico e nella quale, sono coordinatrice e responsabile dei progetti 2017- 2018, che stanno ottenendo il consenso del visitatore e del turista del weekend: progetti, nella realizzazione dei quali, siamo riusciti a coinvolgere 11 comuni del Basso Veronese, avendo gli stessi aderito, con entusiasmo. Enrica Claudia De Fanti: un personaggio, cui il Basso Veronese deve moltissimo, appunto, per la passione, con la quale Claudia pensa e progetta per la sua terra, per il suo territorio, per la storia e per l’arte dello stesso, per la sua promozione, come terra da fare rivivere, anche con il suo agroalimentare tradizionale e di qualità… Un tutto, atto ha attrarre visitatori e flussi turistici, con studiati programmi di visite e di consumazioni, che sono alla base, assieme ai prodotti della terra, della futura evoluzione economico-sociale del Basso Veronese stesso.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!