Sarà presentata il 26 gennaio 2017 al Palazzo della Gran Guardia di Verona OLTRE IL MURO storia di una deportazione Un’opera originale prodotta dalla Scuole di Musica del Garda

di admin
Desenzano del Garda, 16 gennaio 2017 La Scuola di Musica del Garda è lieta di annunciare la presentazione dell’opera “Oltre il muro” nell’ambito della ricorrenza del mese della memoria.

L’opera, completamente auto-prodotta dalla Scuola di Musica del Garda, è stata interamente composta dal compositore M°Vlady Bianchini con la supervisione del M° Mauro Montalbetti nell’ambito dei corsi di alto perfezionamento in composizione tenuti presso la Scuola di Musica.

Il lavoro è destinato all’esecuzione dell’Orchestra Giovanile del Garda diretta dal M° Alberto Cavoli in supporto alla voce narrante affidata all’attore bresciano Luciano Bertoli.

L’idea di scrivere un lavoro musicale che abbia un forte contenuto educativo e didattico nasce in continuità con quanto la Scuola di Musica del Garda sta producendo in questi anni.

Dopo aver affrontato , sempre con lavori originali, il tema del bullismo con l’opera “La Bulla di Sapone, e la vita del fondatore della Croce Rossa Internazionale Henry Dunant con l’opera “Henry ha un’idea”, nasce nel 2016 Oltre il Muro sul tema della deportazione verso i campi di concentramento nazisti.

Nello specifico l’opera racconta del campo di concentramento di Bolzano ed è stato commissionato dall’ANED (Associazione Nazionale ex deportati) ed eseguito il 12 novembre di quest’anno in prima assoluta a Bolzano nell’ambito del proprio congresso nazionale .

Riteniamo che la musica sia un veicolo educativo privilegiato nella trasmissione di messaggi e valori di pace: in un’ epoca di divisioni ci sentiamo di esprimere attraverso la musica un etica di solidarietà tramite la memoria storica.

Ci sono due storie belle nella nostra storia: Franca Turra, partigiana con il nome di battaglia “Anita” internata nel lager di Bolzano, è la bisnonna di una delle nostre giovanissime violoncelliste e questo crea un filo diretto tra l’esperienza del campo e la nostra musica.

La seconda storia è recente e particolarmente affascinante: attraverso vari approfondimenti e ricerche è emersa una breve composizione musicale per pianoforte scritta da Gurtler Hermann che risulta fra gli elenchi dei detenuti a Bolzano, deportato da Milano il 17-10-1944. La musica è stata scritta per Dina Bonomelli arrestata a Iseo il 12-09-1944.

Questo breve brano viene eseguito durante il concerto.

Lo spettacolo “Oltre il muro” si apre con il brano “ The price of freedom-1945” che è dedicato a tutti i partigiani caduti durante la guerra di liberazione dal nazi-fascismo. Segue l’inizio del melologo per voce ed orchestra, composto da quindici movimenti in cui si alternano immagini e narrazione, con la musica che ne è la protagonista assoluta.

E’ la storia di una deportazione, una delle tante passate dal campo di internamento e di transito di Bolzano. Un viaggio nella memoria verso l’ignoto, tra speranza e rassegnazione, in direzione di quell’inferno che furono, anche se in maniera diversa, i campi di annientamento e sterminio nazisti.

L’opera viene presentata, su invito dell’ANED di Verona con il patrocinio del comune di Verona presso il Palazzo della Gran Guardia a Verona, giovedì 26 gennaio 2017 con inizio alle ore 18,00 ad ingresso libero

Una replica organizzata dall’ANPI ( Associazione Partigiani Italiani) è prevista il 29 gennaio 2017 presso il Teatro Cristallo di Bolzano sempre alle ore 18,00.

Condividi ora!