Legge di Stabilità 2017: il Senato ha approvato definitivamente il testo, che ora è Legge.

di admin
Ecco tutte le novità introdotte e gli interventi rimasti fuori commentati dallo Studio Gazzani.
Nella manovra finanziaria c’è spazio per diversi interventi sulle pensioni e sulle scuole, ma c’è un’altra novità che piacerà soprattutto alle famiglie. Nella Legge di Stabilità 2017, infatti, sono stati introdotti diversi bonus a sostegno del reddito, come ad esempio il bonus bebè, e diversi bonus assunzioni per combattere l’aumento della disoccupazione. Con il voto di fiducia sono stati abbandonati alcuni principali interventi, come: – non verranno stanziati i 50 milioni necessari per migliorare l’assistenza sanitaria per quei bambini che si sono ammalati a causa dell’inquinamento dell’Ilva. – chi guadagna meno di 8mila euro ed è esentato dal presentare la dichiarazione dei redditi non ha diritto alle detrazioni per la ristrutturazione di una casa; – nella manovra finanziaria non ci sarà una norma per dilazionare i contributi al Fondo di risoluzione; – nessuna legge sulle sale giochi; – infine ci sono delle brutte notizie per gli idonei dei concorsi pubblici inseriti nelle graduatorie con scadenza il prossimo anno. Per loro, infatti, non è più prevista nessuna salvaguardia. Legge di Stabilità 2017: le novità della manovra Confermata la rottamazione di Equitalia e anche la sanatoria delle cartelle esattoriali con cui, secondo il Governo, verranno recuperati 4 miliardi di euro. Con la nuova voluntary disclosure, anch’essa confermata per il 2017, sono attesi altri 2 miliardi di euro. La stessa cifra è presente per far crescere a 113 miliardi il Fondo del Servizio Sanitario Nazionale. Il secondo miliardo, però, sarà vincolato al piano nazionale per i vaccini e all’assunzione del personale precario. Ridotto anche il Canone Rai, che per il 2017 sarà di 90€ anziché 100€. Introdotta la nuova imposta sul reddito imprenditoriale, l’IRI, che colpirà aziende e professionisti. Ma lo Studio Gazzani evidenzia le principali novità della Legge di Stabilità: – alleggerimento dei regimi fiscali dei piccoli imprenditori; – stanziati 500 euro l’anno per migrante (una tantum) per sostenere le spese dei Comuni; – conferma del Bonus Bebè 2017; – estensione del bonus delle ecoristrutturazioni a condomini e alberghi; – 7 miliardi di euro (in tre anni) sono stati stanziati per la quattordicesima alle pensioni più basse e per l’anticipo pensionistico; – abbassamento della tassazione delle società ed enti dell’Ires dal 27,5% al 24%; – è stata aggiunta una nuova imposta sul reddito imprenditoriale per aziende e professionisti, chiamata IRI – 4,5 miliardi gli stanziamenti della manovra per il piano Casa Italia per le vittime del terremoto; – ripartenza delle assunzioni nel pubblico impiego; – la riconferma della rivalutazione delle quote/azioni e dei terreni; – la riapertura dei termini per l’assegnazione dei beni ai soci – la cosiddetta sterilizzazione dell’aumento dell’Iva, il quale porterebbe le due principali aliquote dal 10 al 13% e dal 22 al 24%. Legge di Stabilità 2017 e Irpef per le imprese agricole Per alleggerire il carico fiscale degli agricoltori, nella prossima Legge di Stabilità il Governo ha eliminato l’Irpef sulle rendite catastali delle imprese agricole. Questa novità si aggiunge al taglio dell’Irap e dell’Imu sui terreni agricoli previsti dalla Legge di Stabilità 2016. Sono stati detestassi i contributi per i giovani agricoltori per i primi 3 anni Legge di Stabilità 2017 e Pacchetto Competitività e R&S per aziende Industria 4.0, questa manovra costa allo Stato 20 miliardi e comprende: – estensione al 2017 del superammortamento; – prorogata a tutto il 2017 la Legge Sabatini per facilitare il finanziamento degli investimenti delle imprese; – conferma dell’iperammortamento al 250% per gli investimenti in innovazione; – credito d’imposta ricerca e sviluppo raddoppiato, infatti i benefici concessi a quelle imprese che investono in programmi di ricerca e sviluppo sono stati ampliati, poiché il credito d’imposta passerà da 5 a 20 milioni di euro massimi annuali, mentre l’aliquota salirà al 50% per tutte le spese. Legge di Stabilità 2017 e addio ad Equitalia e rottamazione delle cartelle esattoriali ("Condono Equitalia") L’approvazione della Legge di Bilancio porterà all’abolizione di Equitalia. Questa passerà sotto il controllo dell’Agenzia delle Entrate, quindi non sarà più un ente privato a riscuotere le somme evase dai contribuenti, ma un’agenzia pubblica chiamata Agenzia delle Entrate-Riscossione. Nella Legge di Bilancio è stato inserito il condono Equitalia sugli interessi di mora, sanzioni e aggio di riscossione. Il condono Equitalia, che come abbiamo appena visto cambierà nome in Equientrate, coinvolgerà circa 3 milioni di contribuenti con l’obiettivo di contrastare l’evasione fiscale. Il condono di sanzioni e interessi di mora, però, sarà previsto solamente per quei contribuenti che decidono volontariamente di pagare le cartelle di Equitalia a rate e solo per gli importi evasi inferiori ai 100.000 euro. Legge di Stabilità 2017 e riforma pensioni Per quanto riguarda le pensioni sono state confermate le misure per la pensione anticipata APE, mentre è stata ampliata la platea per l’Opzione Donna e l’ottava salvaguarda esodati. Inoltre, è stata estesa alle casse previdenziali dei professionisti la possibilità di cumulo gratuito dei contributi. Legge di Stabilità 2017 e "nuova" voluntary disclosure Con la Legge di Stabilità 2017 dovrebbe essere riproposta la voluntary disclosure che ha portato nelle casse dello Stato circa 4 miliardi di euro. Con la riproposizione della misura si punta ad arrivare a quota 2 miliardi. Legge di Stabilità 2017 e bonus famiglia Anche nella Legge di Stabilità 2017 trovano spazio gli interventi in favore dei nuclei familiari più disagiati: dal bonus bebè al voucher asili nido, fino agli sconti per prodotti riservati alla prima infanzia. Legge di Stabilità 2017 e estensione sussidio alla povertà Con la Legge di Stabilità 2017 è stato esteso in tutta Italia il sostegno all’inclusione attiva (Sia), un sussidio pari a 400 euro al mese e destinato alle famiglie con figli minorenni o disabili e reddito inferiore ai 3mila euro annui. Legge di Stabilità 2017 ed emergenza terremoto Un capitolo della Legge di Stabilità è dedicato alle risorse da stanziare per la ricostruzione dei paesi colpiti dal terremoto nel Centro Italia. Nel dettaglio sono stati stanziati 4,5 miliardi per la ricostruzione dei Paesi devastati dal terremoto. Legge di Stabilità 2017 e sblocco contratti pubblici Con la Legge di Stabilità 2017 sono stati stanziati i fondi (1,9 miliardi di euro) per il rinnovo dei contratti pubblici: presto quindi verrà siglato il nuovo contratto collettivo che i dipendenti della Pubblica Amministrazione attendono da tempo. Legge di Stabilità 2017 e ecobonus e bonus ristrutturazioni Nella Legge di Stabilità 2017 sono state prorogate di altri tre anni le agevolazioni fiscali previste per chi ristruttura una casa (detrazione Irpef al 50%) e per chi migliora l’efficienza energetica degli edifici (detrazione al 65%). Lo Studio Gazzani dopo questo tempestivo summary delle principali novità, dedicherà nelle prossime "pillole" attenzione e approfondimento a temi dedicati ai propri lettori/Clienti.

Condividi ora!