Associazione culturale “Aldo Tavella”: assegnato il premio “Tavella d’oro” 2016.

di admin
Sarà consegnato, venerdì 16 dicembre, presso l’Accademia di Belle Arti, Verona.

Importante segnalare, anzitutto, che l’associazione “Aldo Tavella” – avente per scopo il costante ricordo dell’affrescatore e pittore veronese Aldo e la sua opera di diffusione dell’amore per l’arte fra i giovani – pur profondamente colpita, dalla morte di Romano Tavella, suo fondatore, continuerà il suo importante lavoro. Dà continuità al culturale sodalizio, a nome della Famiglia, il fratello di Romano, Pino Tavella – 336 46 73 30 – che ha assunto il compito di presidente. Continuità significa, quindi, anche assegnare l’annuale premio “Tavella d’oro”, ad un giovane artista, per non dimenticare, appunto che Aldo sempre diceva sto bene fra i giovani e, fra essi, fare cultura, cultura del bello, dell’arte… Aldo Tavella fu, fra l’altro direttore dell’allora Accademia d’Arte Cignaroli, oggi, Accademia di Belle Arti, Verona, riconosciuta ufficialmente nel 1984, durante il periodo di sua direzione. Tornando al premio, esso viene, quest’anno, assegnato allo scultore veronese Alessandro Guardini, che, nonostante la giovane età, già gode di fama consolidata in Italia e all’estero, non solo fra privati, ma anche presso musei ed istituzioni pubbliche. La consegna dell’ambito riconoscimento è prevista per il 16 dicembre, venerdì, ore 17,30, presso l’Accademia di Belle Arti, Verona.
Hanno annunciato la cerimonia, nell’artisticamente straordinaria Sala Arazzi municipale – alquanto adatta all’evento – il presidente della sezione Cultura del Comune, avv. Rosario Russo, ed il presidente dell’Associazione Culturale citata, Pino Tavella. Ottima iniziativa, che, attraverso la promozione dell’arte, fa rivivere Chi per l’arte ha vissuto, avendo fatto arte, e l’arte stessa, fra i giovani, ha promosso. Il “Tavella d’oro” è pure grande motivo, per ricordare il creatore dell’Associazione e del premio stesso, Romano Tavella, il quale onorando sì grande Padre, che ha lasciato numerose, grandi opere, intendeva rendere anche omaggio a Verona.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!