IL SUCCESSO DEL SISTEMA DUALE PASSA PER LA SPERIMENTAZIONE: + 12% in un anno PER I CONTRATTI DI APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO.

di admin
Al via i contributi per il tutoraggio anche alle imprese che realizzano percorsi negli istituti di istruzione e formazione professionale. Bobba/Ministero del Lavoro: «Cresciuti gli incentivi alle imprese: ora la palla passa a loro».

Sono cresciuti del 12% i contratti di apprendistato di primo livello, stipulati tra gennaio e agosto 2016, rispetto al pari periodo del 2015. L’incremento è il frutto della sperimentazione del sistema duale italiano, lanciata proprio a JOB&Orienta lo scorso anno, che ha visto il coinvolgimento di 300 selezionati centri di formazione professionale.


I primi significativi risultati sono stati evidenziati stamattina nell’ambito di JOB&Orienta, alla Fiera di Verona fino a sabato 26. La seconda giornata del salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro ha puntato infatti i riflettori sul sistema duale quale modello strategico di formazione professionale 50%-50% fra scuola e lavoro, voluto dal Governo per favorire l’occupazione e contrastare la dispersione scolastica. Non a caso il filo conduttore di questa 26a edizione, “Imparare lavorando: in Italia si può”, riprende il motto della campagna di comunicazione avviata lo scorso gennaio per promuovere la sperimentazione nazionale del sistema duale, che ha riservato per l’appunto in maniera esclusiva ai giovani dei centri di formazione professionale la possibilità di conseguire in assetto di sistema duale una qualifica e/o un diploma professionale. Due gli strumenti a disposizione: oltre all’apprendistato di primo livello (che porta al conseguimento di un titolo di studio, con 500 ore di formazione annue in impresa), anche i percorsi formativi in alternanza scuola-lavoro "rafforzata" (minimo 400 ore annue) inclusa l’impresa formativa, vera e preziosa esperienza professionale che permette ai ragazzi di imparare sul campo il “mestiere”.
Fotografando la diffusione della formazione in apprendistato, un altro dato appare particolarmente interessante: a fronte della variazione su base nazionale dei contratti di apprendistato di primo livello, cresciuti in numeri assoluti da 4.660 a 5.230 nei primi otto mesi del 2016, si rileva una diminuzione pari al 10%, nel medesimo periodo, per la terza tipologia di apprendistato, ovvero quella relativa all’alta formazione e ricerca (con i contratti calati da 364 a 320).
«I numeri confermano che solo quando l’apprendistato è supportato da misure di startup, sperimentazioni e soprattutto definito da precise regole di codifica e procedure certe, riesce effettivamente ad assumere la funzione di caposaldo del sistema duale italiano per cui è stato concepito», così Luigi Bobba, sottosegretario di Stato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, intervenuto stamane a Job&Orienta al convegno “Passo dopo passo: verso la costruzione dell’apprendimento duale”, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.


«C’è bisogno di dare impulso a percorsi formativi differenziati che consentano di studiare, di formarsi, di apprendere – ha continuato – e, allo stesso tempo, di lavorare acquisendo competenze. Le aziende, infatti, hanno bisogno di competenze che tante volte sul mercato del lavoro non trovano, proprio per questa perniciosa separazione tra la scuola e il lavoro». E proprio sollecitando le aziende a cogliere questa opportunità, Bobba ha annunciato che i contributi per il tutoraggio aziendale – finanziati con 16 milioni di euro dal bando pubblicato lo scorso luglio, sempre nell’ambito del programmaFIxO per l’avvio della sperimentazione, e impiegati finora solo nella formazione professionale – sono ora estesi anche alle imprese private che realizzano percorsi di apprendistato di primo livello e di alternanza scuola/lavoro in collaborazione con gli Istituti di istruzione secondaria superiore, sempre nell’ambito dei corsi IeFP. «Abbiamo deciso di incentivare la aziende ad utilizzare in modo diffuso i nuovi strumenti dell’alternanza e dell’apprendistato come via per avvicinare i giovani alle imprese e favorire l’acquisizione di competenze spendibili sul mercato del lavoro. Ora la palla passa a loro».
Muovono nella stessa direzione altre buone notizie che giungono dalla Camera sul fronte delle risorse per la sperimentazione del sistema duale: sarà rifinanziata nella legge di bilancio per un importo di 40 milioni circa. In più, sarà introdotta una nuova decontribuzione a favore dei datori di lavoro che nel biennio 2017/2018 assumeranno con contratto a tempo indeterminato o con contratto di apprendistato quegli stessi giovani che abbiano svolto percorsi di alternanza o che abbiano realizzato periodi di formazione con contratti di apprendistato formativo o in tirocinio curriculare. L’importo destinato a questa assegnazione è pari a 274 milioni di euro e la misura avrà un tetto massimo di esonero contributivo pro capite, spalmabile nell’arco di tre anni pari a 3.250 euro per tre anni.


Nell’ambito del convegno di stamane, si è rinnovato anche in questa 26a edizione di Job&Orienta l’appuntamento con “Le Olimpiadi dei Mestieri”, che ha premiato le eccellenze provenienti dal sistema IeFP. Per quanto riguarda le esperienze di sperimentazione del sistema duale, premiato il progetto di un mobile contenitore-libreria realizzato da uno studente di Enaip Lombardia, pezzo unico confezionato con elementi prodotti dall’azienda presso la quale il ragazzo è assunto in apprendistato. E ancora riconoscimenti anche a sette enti di formazione e istituti scolastici che si sono distinti per aver realizzato particolari prodotti e manufatti in percorsi di apprendimento duale: l’istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e della ristorazione "Massimo Alberini” di Treviso vincitore del “Gran trofeo della ristorazione italiana 2016” per un menu coi piatti tipici della Marca; il centro di formazione professionale Enaip Veneto di Feltre (Belluno) per l’ideazione e la realizzazione di un berretto ad uso sportivo che riduce gli effetti statici sul capello; il centro di formazione professionale Cnos-Fap di Fossano (Cuneo) per un impianto per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria completamente alimentato da energie rinnovabili; la scuola professionale “Lepido Rocco” di Motta di Livenza (Treviso) per una scocca di un veicolo a due posti e mano robotica prodotti con stampanti 3D completamente progettate e realizzate dagli allievi; l’istituto professionale statale “G.B. Garbin” di Schio/Thiene (Vicenza) per produzioni tessili sartoriali, capi di abbigliamento ispirati alla cultura africana e a quella giapponese; centro di formazione professionale Ciofs-Fp Piemonte “Maria Mazzarello”, di Torino per trucco artistico, make up per facepainting; infine, il centro Cnos Fap di San Zeno (Verona) per la progettazione e realizzazione di una linea grafica di packaging di prodotti per un salone di parrucchieri.


Il confronto serrato fra livello locale e centrale e l’importanza dell’attivazione di sinergie territoriali fra tutti gli stakeholders per massimizzare l’efficacia del sistema duale e accrescerne il valore aggiunto, è stata sottolineata da Bobba nel momento di incontro con gli assessori regionali competenti in materia lavoro e formazione presenti in oggi Fiera dedicato a fare il punto sullo stato dell’arte della sperimentazione in ottica territoriale.
Il momento di scambio e confronto è proseguito in video-collegamento con i rappresentanti della IX Commissione della Conferenza Stato-Regioni (Istruzione, lavoro, innovazione e ricerca) e con gli assessori regionali che non sono potuti essere presenti oggi in Fiera a Verona.

Contributi per il tutoraggio aziendale estesi alle Scuole superiori (fonte: FIxO)

La misura è prevista dalla nota integrativa allo stesso bando dello scorso 10 novembre pubblicata da Italia Lavoro e riguarda i contratti e i percorsi avviati dall’1 gennaio 2016 che non sono quindi più riservati in maniera esclusiva ai soli centri di formazione professionale.

Attraverso la piattaforma di gestione http://fixotutoraggio.italialavoro.it, le aziende possono richiedere:

  • fino a un massimo di 3 mila euro per attività di tutoraggio aziendale da realizzare in un periodo di 12 mesi nell’ambito di ogni contratto di apprendistato di primo livello;

  • fino a 500 euro annui per attività di tutoraggio aziendale riferibile a percorsi di alternanza scuola lavoro con periodi di applicazione pratica non inferiori a 400 ore annue.

Le richieste possono essere presentate fino al 29 dicembre del 2017, salvo il caso di esaurimento anticipato delle risorse disponibili che sarà tempestivamente comunicato su www.italialavoro.it.

Condividi ora!