Lavori di restauro all’Ossario di Custoza

di admin
Assessore Marcolini: “Il cantiere apre lunedì 4. Abbiamo ottenuto i finanziamenti del Ministero per la valorizzazione del Sacrario”.

Da lunedì 4 aprile partiranno i lavori di restauro dell’Ossario di Custoza, che quindi rimarrà chiuso ai visitatori per consentire la manutenzione straordinaria di alcune parti.
I lavori sono interamente finanziati dal Ministero dei Beni Culturali e consistono nella pulizia e  restauro delle superfici del Sacrario, dove sono conservati i resti dei soldati caduti durante il Risorgimento. Il progetto definitivo, redatto dall’architetto Pietro David della soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici di Verona, è stato approvato dalla Provincia. Il costo totale dell’intervento è stimato di poco superiore ai 200 mila euro.
Assessore Marcolini: “Consideriamo l’Ossario di Custoza uno dei monumenti più importanti del   territorio veronese. Per questo ci siamo adoperati per ottenere i fondi ministeriali da destinare al restauro, proprio nell’anno in cui si celebra il Risorgimento italiano. L’avvio di questo restauro rappresenta quindi un’ottima notizia, è un intervento necessario per valorizzare un luogo simbolo della nostra storia, nonché un obbligo morale per ricordare degnamente tutti i caduti nelle guerre. Oltre al suo valore culturale e storico,  l’Ossario ha una forte valenza turistica che intendiamo rivalutare. La durata dell’intervento sarà di circa un mese e mezzo. In parallelo, proseguono i ragionamenti con il Comune di Sommacampagna sulle ipotesi di una gestione che valorizzi il Sacrario”.

Condividi ora!