Cassa Padana e Politecnico di Milano danno vita all’Hub della Conoscenza

di Redazione
Nella puntata speciale di Focus Verona Economia dedicata alle banche sono intervenuti il responsabile corporate di Cassa Padana Nicola Ferrari e il prorettore del Politecnico Giuliano Noci, i quali hanno presentato il progetto.

Nella puntata dell’11 aprile di Focus Verona Economia, condotta da Matteo Scolari su Radio Adige TV, si è affrontato il tema della collaborazione tra istituti bancari, compagnie assicurative e lo sviluppo del territorio. Tra gli ospiti intervenuti, Nicola Ferrari, responsabile corporate di Cassa Padana, e il professor Giuliano Noci, prorettore del Politecnico di Milano, hanno offerto spunti molto preziosi su come queste sinergie possano contribuire alla crescita economica e sociale e hanno presentato un progetto che li vede entrambi protagonisti: l’Hub della Conoscenza, che verrà inaugurato sabato 20 aprile alle ore 10.30 al Forum di Cassa Padana, in piazza Dominato Leonense, Leno, a Brescia.

La firma di accordo per la nascita dell’Hub della Conoscenza.

Cassa Padana, un’istituzione radicata nel territorio bresciano e in espansione anche a Verona, si è distingue nel suo impegno per lo sviluppo locale. Durante la puntata, Nicola Ferrari ha sottolineato come la banca abbia integrato con successo le proprie attività nel tessuto economico e sociale, puntando su partnership strategiche e su una visione moderna e innovativa del suo ruolo. In particolare, l’attenzione verso Verona si è rivelata importante considerando il territorio come un tassello fondamentale per la sua crescita.

L’Hub della conoscenza, un’iniziativa promossa da Cassa Padana in collaborazione con il Politecnico di Milano, si pone come un importante motore di sviluppo. L’ottocentesca Villa Seccamani, di proprietà di Cassa Padana e che un tempo ospitava esclusivamente uffici e la direzione della banca, sarà il luogo dove giovani, imprese, scuola, università e istituzioni si ritroveranno per tessere un nuovo dialogo.

Villa Seccamani.

Con il sostegno della Provincia di Brescia, Villa Seccamani ospiterà i laboratori didattici dell’Istituto Capirola e sarà la base operativa dell’Hub – in cui il Politecnico di Milano avrà un ruolo chiave nell’affermare la centralità della tecnologia per la competitività dei sistemi territoriali – e anche la  sede della divisione di Corporate Banking di Cassa Padana, in quanto perno dell’iniziativa. 

I laboratori, con i nuovi pc acquistati con i fondi del Piano Scuola 4.0 del PNRR, saranno utilizzati principalmente dalle classi del triennio di tutti gli indirizzi, con particolare attenzione ai percorsi Sistemi Informativi Aziendali, Relazioni Internazionali per il Marketing, Costruzioni Ambiente e Territorio e Liceo Scientifico con potenziamento Information Technology. 

Si terranno lezioni di informatica, programmazione, economia aziendale, marketing, progettazione e costruzione, tutte discipline in cui nei prossimi anni sarà sempre più centrale il tema della  sostenibilità economica, tecnologica e degli spazi. 

Il professor Giuliano Noci ha evidenziato come questo progetto metta al centro le persone, i processi e le tecnologie, fornendo un sostegno concreto alle imprese e alla comunità locale. Attraverso l’accento sulla formazione e sull’innovazione, l’hub della conoscenza mira a valorizzare il capitale umano e a favorire la permanenza dei talenti nel territorio.

L’approccio di Cassa Padana e del Politecnico di Milano si inserisce in un contesto più ampio, caratterizzato dalla necessità di superare le barriere burocratiche e amministrative che rallentano lo sviluppo territoriale. La collaborazione tra enti pubblici, istituzioni finanziarie e istituti di ricerca si configura come una risposta concreta alle sfide economiche e sociali del presente, orientata a promuovere la competitività e la sostenibilità a livello locale.

Guarda l’intervento di Ferrari e Noci a partire dal minuto 1:07:15

Condividi ora!