Quarant’anni di Just, tra empowerment femminile e presenza sul territorio

di Redazione
Si è svolto questa mattina, a Grezzana, l'evento per festeggiare i quarant'anni di Just Italia.

Un bel compleanno, per festeggiare 40 anni di impegno, eccellenza, sviluppo. Con un occhio rivolto in particolare alle donne, alle loro esigenze di benessere, lavoro qualificato, prospettive di futuro con un impatto positivo per l’intera società. Just Italia ha fatto questo sin dalla sua costituzione, nel 1984, a Grezzana, in provincia di Verona, e lo ha raccontato in un incontro aperto alle autorità e alla stampa locali e a coloro che – dipendenti, collaboratori storici – hanno contribuito a creare il “mondo Just in Italia” e condividono il valore di questa ricorrenza.

Per questo, il titolo del “Live talk show” che si è tenuto a Grezzana, moderato dalla giornalista Elena Giordano è, non a caso “Empowerment femminile e differenziale competitivo”. Ne ha parlato il Presidente di Just Italia Marco Salvatori che ha ripercorso le tappe di un percorso imprenditoriale caratterizzato da una crescita costante che ha portato il gruppo Just Italia, oggi, a un fatturato di 145 milioni di Euro, a posizioni di vertice nel mercato italiano della vendita diretta a domicilio di cosmetici, a una dimensione internazionale che vede la gestione diretta, oltre all’Italia, dei mercati di Austria, Croazia, Slovenia, Spagna.

Ospiti del “Live talk show” autorevoli esperti quali il Professor Luca Quaratino – Docente di Organizzazione aziendale e gestione Risorse Umane presso l’Università IULM di Milano e il dottor Matteo Zanibon, Key account della società di ricerca GfK, così da proporre non solo il “punto di vista” dell’imprenditore, ma anche una interpretazione sociologica della vendita diretta a domicilio e delle persone che vi lavorano (le donne in particolare), e una panoramica attuale del settore cosmetico, del comparto distributivo, del brand Just e del suo posizionamento.

Foto convegno Just (4)

Per Luca Quaratino, le organizzazioni di vendita diretta hanno giocato e giocano un ruolo molto “distintivo” rispetto alle altre tipologie di imprese. Prima di tutto perché propongono un modello organizzativo che può essere definito “femminile”, basato su relazioni cooperative, approccio intuitivo nella gestione, logiche partecipative, leadership focalizzata sulla cura delle relazioni e l’integrazione. Nella vendita diretta le donne hanno opportunità maggiori di giocare la propria partita e di esprimere il proprio potenziale, rendendo l’ambiente di lavoro “fertile” e aperto all’inclusione lavorativa. A testimonianza, i dati di Just Italia, dove il 94% dei 27.000 Consulenti incaricati alla vendita diretta a domicilio è costituito da donne, con il 55% di età compresa fra 41 e 60 anni.

La vendita diretta, inoltre, dando spazio a tante “imprenditrici di sé stesse” promuove in maniera sostanziale un processo di empowerment delle donne, generando un’auto-percezione positiva che porta nella società un arricchimento socioculturale trasversale agli individui e alle generazioni. Nel suo intervento, il relatore ha ricordato anche come la vendita diretta abbia anticipato il modello di work life integration, di cui le consulenti di vendita Just sono state pioniere e sperimentatrici.

Foto convegno Just (4)

All’intervento di Luca Quaratino è seguito quello di Matteo Zanibon, Key account della società di ricerca GfK,che ha tracciato una overview dei principali trends del settore cosmetico, della vendita diretta, evidenziando il ruolo e il posizionamento del brand Just. Nel suo intervento, il dott. Zanibon ha condiviso alcuni dei principali drivers del mercato cosmetico in Italia e i punti di forza del prodotto e del modello di vendita di Just, rilevati in una recente ricerca di mercato sui consumatori italiani.

Ha chiuso i lavori il Presidente di Just Italia Marco Salvatori che, spegnendo idealmente 40 candeline, ha ringraziato tutti coloro che in questi anni hanno contribuito all’attività e allo sviluppo di un’azienda capace di stabilire relazioni di fiducia solide e durature con i consumatori, radicata nel proprio territorio ma proiettata verso il mondo, portatrice di valori di eccellenza, etica, sostenibilità.

Condividi ora!