Sicurezza sul lavoro. ANCE: «Intensificare i controlli»

di Redazione
Alla luce dei casi di cronaca nazionali, dei controlli intensivi sul territorio e dell’onda emozionale che ne è seguita, il presidente di ANCE Verona, Carlo Trestini lancia un nuovo appello per la sicurezza.

In un periodo segnato da intensi controlli e da una crescente attenzione mediatica sulla sicurezza nei cantieri, Carlo Trestini, Presidente di ANCE Verona e Vicepresidente ANCE Nazionale, ha espresso la sua posizione in merito alla necessità di rafforzare la cultura della sicurezza nel settore edilizio senza ricorrere a nuove normative, ma piuttosto attraverso un incremento dei controlli e l’introduzione di incentivi per le imprese che dimostrano virtuosità e impegno nella formazione dei propri lavoratori.

Sottolineando la pericolosità intrinseca del settore edilizio, equiparabile solo a quello agricolo in termini di rischio di incidenti sul lavoro, Trestini ha messo in evidenza come ogni cantiere presenti sfide uniche e complesse, rendendo fondamentale un approccio personalizzato alla sicurezza. Ha poi evidenziato il ruolo cruciale dei controlli e della qualificazione delle imprese, soprattutto in un contesto in cui le regole per i lavori privati rimangono meno stringenti rispetto a quelli pubblici.

ANCE Verona si pone in prima linea nella promozione della sicurezza, sostenendo iniziative come il registro White List, che certifica le imprese in regola con i requisiti di sicurezza e trasparenza, e valorizzando il lavoro dei centri di formazione e sicurezza che offrono consulenze e indirizzano le società costruttrici verso le pratiche più sicure e conformi.

Il presidente ha inoltre evidenziato l’importanza della formazione specifica nel contratto edile, menzionando l’introduzione di premialità per le imprese che si distinguono in questo ambito, una mossa che, sebbene non richiesta da normative, mira a incentivare l’adozione di una cultura della sicurezza e della competenza a tutti i livelli dell’industria edilizia.

Condividi ora!