Al via Fieracavalli: 125 anni di affinità elettiva tra uomo e cavallo

di admin
La nuova edizione, in programma a Veronafiere dal 9 al 12 novembre, pone l’accento sull’affinità elettiva tra uomo e animale. Molti gli eventi in programma che rendono la fiera un appuntamento da non perdere: l’unica tappa italiana della Longines FEI Jumping World CupTM, le competizioni targate FISE, il Gala d’Oro ARTè, il Salone del Turismo…

Fieracavalli festeggia 125 anni e rende protagonisti della nuova edizione, a Veronafiere dal 9 al 12 novembre, 2.500 cavalli di 60 razze e la loro relazione con l’uomo.
Quattro giorni dove sportivi, operatori del settore e appassionati potranno scoprire tutte le sfaccettature del mondo equestre grazie a 12 padiglioni e 6 aree esterne per oltre 128mila metri quadrati, con 35 associazioni allevatoriali, 700 aziende espositrici da 25 Paesi oltre 200 eventi in programma, tra competizioni, spettacoli e convegni. Sono 25 le delegazioni di buyer esteri invitati in fiera, selezionati insieme a ICE-Agenzia, dai mercati target di Brasile, Canada, Cile, Cina, Ungheria, India, Indonesia, Messico, Oman, Paraguay, Perù, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Uruguay.
A dare il via all’edizione dell’anniversario la nuova campagna stampa, firmata da Toni Thorimbert, che rappresenta storie differenti, ma capaci di raccontare un’unica e incredibile passione, quella per il cavallo. Nove scatti di uomini e donne autentici, che fanno del loro amore per questo animale non solo un lavoro, ma un vero e proprio stile di vita: un buttero, un maniscalco, una groom, un allevatore, due giovani amazzoni impegnate in competizioni americane e spagnole, una horse watcher, lo show director di Jumping Verona – unica tappa italiana della Longines FEI Jumping World CupTM – fino a Pietro, ragazzo affetto da sindrome dello spettro autistico e protagonista del progetto Riding The Blue. L’attenzione per i cavalli, però, non si manifesta solo attraverso il lavoro e la passione, ma anche nel rispetto del loro benessere.
Partendo da questo principio, Fieracavalli, lancia Horse Safety System: un progetto di sicurezza – per animali e visitatori – basato sulla rimodulazione del layout del quartiere fieristico, dentro e fuori i padiglioni, sull’aggiornamento del codice etico e sull’istituzione di un Comitato di Indirizzo e di un Comitato Scientifico in grado di vigilare sul rispetto delle nuove regole, durante tutte le giornate di manifestazione. Questo permetterà ad addetti ai lavori, appassionati o semplici curiosi di avvicinarsi e conoscere sempre più da vicino i veri protagonisti della fiera, in un ambiente in grado di garantire comfort e benessere a entrambe le parti.
«Fieracavalli è da sempre l’evento di punta del mondo equestre italiano e non solo – commenta Federico Bricolo, presidente di Veronafiere –, grazie a un dialogo continuo con tutte le istituzioni e il settore, dall’allevamento al comparto sportivo, e ai tanti altri partner. Ecco perché al nostro fianco anche in questa edizione dei 125 anni possiamo contare sul supporto di tanti e storici “amici” di Fieracavalli, come il ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, il ministero degli Affari Esteri con ICE-Agenzia, la Regione del Veneto, il Comune e la Provincia di Verona, e poi FEI e FISE e tutte le oltre 35 associazioni allevatoriali e sportive sempre presenti».
«Fieracavalli ha sempre avuto un posto speciale tra i prodotti della Fiera di Verona – commenta Maurizio Danese, amministratore delegato di Veronafiere – perché la nostra attività di organizzatori di manifestazioni nasce ufficialmente nel 1898, proprio insieme alle fiere semestrali dell’agricoltura e dei cavalli. Oggi il salone rappresenta uno dei nostri brand storici, più conosciuti e amati. Perché è passione allo stato puro, ed è una passione che unisce, come recita il claim di questa edizione. Credo che sia questo il vero punto di forza di questo evento, che da 125 anni accompagna l’evoluzione del mondo equestre in tutte le sue declinazioni, coniugando allevamento, sport, business, sostenibilità, spettacolo e solidarietà».
«La passione è una delle parole chiave di Fieracavalli ma parlare di mondo equestre significa anche riferirsi ad un comparto che genera affari – fa sapere Raul Barbieri, direttore commerciale di Veronafiere –. Dobbiamo sempre ricordare che il salone nasce proprio come un mercato dei cavalli di livello europeo. E oggi, con 700 espositori provenienti da 25 Paesi, il salone rappresenta una delle più grandi vetrine internazionali per il trade business del settore, con ampi spazi dedicati alle aree commerciali dove espongono i migliori brand nazionali e internazionali».
La millenaria relazione tra uomo e cavallo – leitmotiv della manifestazione – è al centro della Horse Friendly Arena (Pad. 9) dove si alternano, ogni giorno, dimostrazioni di alcune delle migliori scuole di addestramento naturale come il Gruppo Italiano Ecole de Légèreté, l’Equitazione Classica in Leggerezza con il coach Massimo Basili, Salvio Annunziato con il Clicker Training, il Team Italiano Istruttori Parelli e l’Accademia Equestre Italiana. Novità 2023 la presenza – al padiglione 12 – di Mario Sbrana e Asia D’Acquarone che mostreranno al pubblico di Fieracavalli un approccio all’apprendimento delle discipline del Reining, del Salto e del Dressage, interamente basato sulla fiducia.
La straordinarietà di Fieracavalli è da sempre quella di saper ospitare, in un ambiente fieristico cavalli, addetti ai lavori, curiosi e appassionati, in grado di convivere nel rispetto reciproco e di creare quel melting-pot incredibile in grado di raccontare tutte le sfaccettature di un mondo affascinante quanto vasto, come quello equestre.
Si inizia con il giro del mondo delle razze dai padiglioni 2 e 10 dove il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste e AIA-Associazione Italiana Allevatori permettono di scoprire le più antiche razze italiane e il Cavallo da Sella italiano, proseguendo al Padiglione 9 con il cavallo di Pura Razza Spagnola. Agli esemplari tipici del mondo americano, invece, sono dedicati due padiglioni (11 e 12) con i migliori esemplari di Appaloosa, Paint e Quarter Horse, razze tipiche di questi territori.
Tappa d’obbligo, infine, al padiglione 3, completamente riservato al principe delle razze equestri, il Purosangue Arabo, protagonista del prestigioso concorso morfologico internazionale dedicato a questa razza millenaria. L’offerta sportiva si conferma, ancora una volta, una delle attrattive principali della manifestazione che, per quattro giorni, si trasforma nella capitale dello sport nazionale e internazionale. La Federazione Italiana Sport Equestri – a cui è affidato il Padiglione 5 (Arena FISE) – raccoglie i migliori talenti di domani in un programma serrato di gare, che comprende il Progetto Sport, il Master Sport, la 35a Coppa delle Regioni Pony, il Trofeo Pony, la Coppa Campioni Pony, la Coppa Gold Champions e l’attesissimo Gran Premio delle Regioni Under 21.
Il Padiglione 8, invece, è il teatro della 22ª edizione del Jumping Verona, unica tappa italiana della Longines FEI Jumping World CupTM, che richiamerà a Verona il Gotha del Salto Ostacoli Internazionale impegnato in tre giornate di competizioni che culminano nell’attesissimo Gran Premio CSI5*W in programma domenica 12 novembre. Il ring di gara che ospiterà i binomi impegnati nella Coppa del Mondo vede, inoltre, in calendario anche le finali dell’Italian Champions Tour e il 125×125 Gran Premio Fieracavalli.
I Padiglioni 11 e 12, infine, ospitano il Westernshow: lo spazio dedicato al meglio delle competizioni del mondo americano. Il Padiglione 11, nello specifico, vedrà 350 concorrenti – provenienti da tutta Europa – sfidarsi nel Campionato Europeo Open, Youth e Junior, Juvenile, Futury e Champion of Champions di Barrel Racing, oltre al Campionato Europeo Open, Youth e Junior, Futury e Champion of Champions di Pole Bending, tutte gare targate National Barrel Horse Association Italia (NBHA). Il Padiglione 12, invece, ospiterà competizioni di Ranch Riding organizzate dall’Associazione Italiana Quarter Horse (AIQH) in collaborazione con l’American Quarter Horse Association (AQHA). Il palinsesto, infine, si completa con Gimkana Western e Gimkana English, con la segreteria organizzativa di SEF-ITALIA.
Fieracavalli è l’occasione perfetta per condividere la passione per lo sport e l’amore per il mondo equestre a 360°, ma non solo. Da quest’anno, infatti, attraverso il cavallo – secolare ambasciatore del territorio – sarà possibile scoprire anche la bellezza e la varietà delle risorse rurali italiane grazie al Salone Del Turismo Rurale e Dei Prodotti Tipici.
Il nuovo spazio, all’interno del Padiglione 1, raccoglie i migliori prodotti enogastronomici italiani, ma anche un’offerta turistica in grado di rispondere alle esigenze di coloro che vogliono vivere il territorio tramite le specialità che lo rendono unico, da nord a sud, passando per le isole. Ultimo, ma non per importanza, l’intrattenimento, capace di appassionare famiglie e curiosi al mondo di Fieracavalli, grazie a un palinsesto di eventi che popolano il giorno e la notte della manifestazione.
Di giorno, al Padiglione 1, c’è l’Area Family che amplia l’area ludico-didattica con momenti di animazione, il tradizionale battesimo della sella e il battesimo del volteggio. Nell’area A, all’interno del ring di movimentazione ad anello, prendono vita il Bosco Didattico e la Fattoria Maggiorini, in area D va in scena un susseguirsi di eventi spettacolari e adrenalinici, mentre nelle aree centrali esterne della fiera trova spazio l’area food regionale. Proprio questa sarà protagonista della seconda edizione di “Sapori di razza”: il contest che premia il meglio della cucina, influenzata dalla cultura equestre, tra i food truck all’interno della fiera.
Lo chef Alessandro Borghese sarà ancora una volta l’ospite d’eccezione di questa sfida che consegnerà, domenica 12 novembre, il premio, di pubblico e giuria, per SAPORI DI RAZZA BEST STREET FOOD 2023 e per SAPORI DI RAZZA BEST LOOK 2023. Quando si spengono le luci dei padiglioni, si accendono i riflettori su ARTè, il Gala d’Oro di Fieracavalli, che quest’anno rende omaggio al cavallo – da sempre fedele compagno dell’uomo – e alle sue rappresentazioni artistiche, fatte rivivere grazie a 12 emozionanti esibizioni di artisti del calibro di Clemence Faivre, Carmine Pignataro, Giuseppe Cimarosa, Giulia Giona e dell’ospite d’onore, Santi Serra Camps.
Fieracavalli, inoltre, per legare le celebrazioni dei 125 anni al suo costante impegno verso i più fragili, dedica le tre serate del gala a tre differenti tematiche di sostenibilità sociale e inclusività. La serata di giovedì affronterà il tema della violenza sulle donne – più che mai attuale – mentre il venerdì e il sabato sera vedranno protagoniste, rispettivamente, AGBD Associazione Sindrome di Down ONLUS e l’iniziativa Ri.Abilitiamoci dell’Associazione Progetto Islander Onlus, che quest’anno sarà dedicata ai bambini oncologici dell’Ospedale Regina Margherita di Torino.
Appuntamento imperdibile, infine, con Crazy Horse Night: una serata unica – in programma sabato 11 novembre a partire dalle 22.00 alle Gallerie Mercatali – con il Dj Set dell’artista internazionale Bob Sinclar. Il meglio del mondo equestre è in scena a Verona, dal 9 al 12 novembre 2023

Condividi ora!