Torna a Verona la Borsa del Placement

di admin
Il 2 e 3 novembre, in Gran Guardia, oltre 50 aziende italiane e multinazionali e 30 Università si incontreranno per favorire lo sviluppo di interazioni professionali. Già 800 gli appuntamenti fissati nelle due giornate. Centrali saranno le tematiche dello smart working e team working, così come delle nuove dinamiche lavorative dei neolaureati.
Creare il momento di incontro fra Università, alta formazione e il mondo delle imprese,  per favorire lo sviluppo di interazioni professionali positive. Torna a Verona, al Palazzo della Gran Guardia, la Borsa del Placement organizzata da Fondazione EmblemaMercole<wbr></wbr>dì 2 e giovedì 3 novembre l’unico protagonista sarà l’incontro tra Università e mondo del lavoro.

La XVI edizione del Forum è l’appuntamento annuale ideato per creare un raccordo diretto tra chi, negli enti di alta formazione e nelle imprese, si interessa ai temi del placement e del campus recruiting. A questa nuova edizione della Borsa hanno già confermato la propria presenza più di 30 università, oltre 50 aziende e imprese italiane e multinazionali e sono circa 800 gli appuntamenti già calendarizzati, durante la giornata di incontri.

La Sessione Plenaria di apertura sarà un focus sul rapporto e il confronto fra Smart Working e Team Working, per mettere in evidenza due temi diventati ormai cruciali per qualunque realtà aziendale: le competenze tipiche dello smart worker e l’importanza del farle coincidere con le relazioni interpersonali.

Su questi temi l’obiettivo è quello di dare una lettura originale rispetto le statistiche contemporanee che raccontano del lavoro giovanile: flessibilità, organizzazione, gestione del tempo e pianificazione delle attività oltre la capacità a saper lavorare su obiettivi precisi sono infatti le caratteristiche principali emerse nel fare un ritratto dei “nativi digitali” dei lavoratori.

A partire da queste premesse saranno presentati i risultati della Survey “Smart Working e Team Working: una convivenza possibile?, somministrata ai delegati delle aziende partecipanti al Forum che ha avuto lo scopo di è analizzare le dinamiche dell’inserimento di neolaureati nei team aziendali durante il periodo pandemico e comprendere se i cambiamenti forzati dal contenimento del virus possano reputarsi prassi ormai consolidate oppure no.

A rimarcare l’importanza dell’orientamento e del dialogo, produttivo e costante, che deve persistere fra università e impresa, durante la seconda giornata del Forum, si svolgeranno i consueti appuntamenti one to one fra i delegati partecipanti, per creare un sistema virtuoso capace di mettere in luce le competenze possedute dai giovani e dialogare con le aziende, al fine di supportarle nella ricerca di strategie ottimali per l’inserimento di queste risorse.

Condividi ora!