Maltempo, allarme nazionale: 35 eventi climatici estremi in un giorno

di admin
Sono saliti a 7252 i comuni italiani a rischio frane e/o alluvioni, ovvero il 91,3% del totale. Ad aggravare la situazione l'aggressiva cementificazione e l'abbandono delle campagne

In un solo giorno si sono abbattuti sull’Italia ben 32 eventi estremi tra trombe d’aria, grandinate, tempeste di vento e bombe d’acqua che hanno causato danni nelle città e nelle campagne. 
E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell’ultima ondata di maltempo con l’allerta della protezione civile in sette regioni del Centro Nord, sulla base dei dati dell’European Severe Weather Database (ESWD). Ad essere piu’ duramente colpita è stato il centro Italia.
cambiamenti climatici si abbattono su un territorio reso più fragile dalla cementificazione e dall’abbandono con il risultato che sono saliti a 7252 i comuni italiani a rischio frane e/o alluvioni, ovvero il 91,3% del totale.
Sono la conseguenza dei cambiamenti climatici anche in Italia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, che compromettono anche le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.
Per affrontare i danni dei cambiamenti climatici servono interventi strutturali e strumenti di gestione del rischio sempre più avanzati, efficaci e con meno burocrazia, ma soprattutto un impegno per frenare i cambiamenti climatici.

Condividi ora!