Quanto investire per iniziare a fare trading online

di admin
Il trading online è un’attività finanziaria sempre più diffusa in Italia, nonostante in Europa e negli altri Paesi extra UE sia già una realtà consolidata. Nel nostro Paese sono migliaia i trader, tra professionisti e persone alle prime armi, che tentano di guadagnare investendo sui mercati, analizzando gli andamenti dei titoli per pianificare delle strategie…

Considerare tutti i costi legati al trading online  
Uno dei problemi più comuni, che viene spesso evidenziato dai trader alle prime armi, è l’errata previsione di un budget adeguato. Effettuare una previsione sbagliata su quanto investire per fare trading online, ritrovandosi senza la liquidità sufficiente durante le attività finanziarie, può compromettere totalmente qualsiasi tipo di investimento. Ciò avviene perché è difficile valutare la corretta disponibilità economica, con cui partire per operare sui mercati finanziari, soprattutto per far fronte alle perdite.
Al contrario bisogna considerare tutti i costi legati al trading online, i depositi minimi per aprire il conto, le commissioni applicate dal broker, il tipo di attività finanziarie da svolgere, gli asset su cui investire, gli orizzonti temporali e il grado di rischio che si vuole assumere. Secondo gli specialisti diguidatradingonline.net, molti trader partono con un budget insufficiente, che basta soltanto ad aprire il conto di trading e investire per alcuni mesi, mentre alle prime perdite si ritrovano a corto di liquidità.
In questo modo diventa quasi impossibile avere successo, anche se la strategia è efficace e il piano d’investimento accurato e ponderato. Invece è fondamentale calcolare tutti costi e le spese iniziali, necessarie sia per aprire il conto di trading che per investire nei primi mesi, più ovviamente una somma di emergenza per assorbire le inevitabili perdite accumulate nel breve periodo. Il trading online è un’attività finanziaria di lungo termine, durante il quale è normale perdere anche somme ingenti, l’importante è seguire una strategia e chiudere l’anno in attivo.
Come stabilire quanto investire per fare trading online
Per evitare incidenti di percorso inattesi, che possono chiudere la propria esperienza con il trading online anzitempo, è essenziale calcolare quanto bisogna investire per iniziare, operare e raggiungere gli obiettivi di medio e lungo periodo. Molti broker consentono di aprire un conto con depositi minimi, a volte appena 25€, tuttavia non è possibile partire con una somma del genere. Oltre al versamento iniziale, infatti, bisogna considerare i costi dello spread, che le piattaforme applicano sulle operazioni, eventuali commissioni di versamento e soprattutto l’attività di trading.
Per farlo è fondamentale considerare il grado di rischio, ovvero la percentuale del capitale a disposizione da utilizzare per gli investimenti sui mercati finanziari. Ad esempio se si parte con un deposito di 500€, un profilo prudente è mantenere un grado di rischio dell’1%, quindi ogni operazione non deve creare perdite superiori a 5€. Tale valore deve essere calcolato non sull’investimento da realizzare, ma in base alle possibili perdite che si possono maturare sul singolo eseguito.
Il segreto consiste nell’impostare correttamente gli stop loss, gli ordini di vendita automatici che scattano in caso di riduzione dei prezzi, usare la leva finanziaria con moderazione e non esporsi oltre i limiti pianificati. Una strategia accurata, con orizzonte temporale di almeno 6-12 mesi, permette di stabilire con precisione quanto bisogna investire per fare trading online, quanti soldi servono per gestire il rischio e quali somme destinare ad ogni singola operazione finanziaria.
A seconda delle proprie esigenze, del tipo di rischio e dei settori su cui si vuole investire, è possibile determinare un budget con maggiore precisione, evitando tutti gli inconvenienti classici dei trader alle prime armi. Eventualmente, per testare la propria strategia è possibile attivare un conto demo, uno strumento utile che consente di valutare il piano strategico prima di metterlo in atto, per correggere criticità e problemi potenzialmente pericolosi per chi vuole fare trading online in maniera seria e duratura. (I.P.)

Condividi ora!