Non più allagamenti a Verona. Una grande opera, fra Portoni Borsari e l’Adige, già realizzata. Previsti altri interventi.

di admin
Forte e costruttiva collaborazione fra Comune di Verona ed Acque Veronesi, l’istituzione, che gestisce il servizio idrico integrato, in 77 comuni della provincia scaligera, capoluogo compreso. Acque Veronesi si occupa, fra l’altro, anche della manutenzione, del rammodernamento e della creazione di infrastrutture, atte a reggere alle sempre più frequenti criticità atmosferiche, quali quelle che colpiscono…

Con la spesa di 300.000.-€ è stato realizzato un pozzo disperdente (diametro di 1,20 m), della profondità di 8 metri, posto proprio davanti alla Porta, lato Corso Cavour, che, in occasione d’un ultimo, pesante temporale, ha permesso al sottosuolo in ghiaia, di assorbire la pioggia caduta in falda e di evitare il formarsi del noto, ampio allagamento. Che, guarda caso, per nostra memoria, si verificava già prima del 1974… Ove, in altro caso, la cosa non riuscisse, in via naturale, attraverso il pozzo, sono state predisposte – con un lavoro difficile, perché si tratta di suolo, seminato di reperti archeologici – due pompe di scarico, in grado d’aspirare sino a 150 litri d’acqua al secondo, posizionate nel pozzo stesso e direttamente collegate con l’Adige, con due condotte di mandata, poste lungo via Diaz e lungadige Panvinio. Un ulteriore intervento è previsto per lo scarico in Adige d’acque meteoriche, lungo Riva San Lorenzo, con una spesa di 1.000.000.-€, mentre è previsto l’adeguamento – i lavori inizieranno a gennaio, con spesa prevista di 2.000.000.-€ – della rete fognaria, nella zona Teatro Romano – Santo Stefano – Veronetta, con l’intento di evitare l’annoso problema di allagamenti in loco. Da notare, che Verona deve curare 400 km di condotte meteoriche. Quanto sopra è stato reso noto dal sindaco, Federico Sboarina, dall’assessore, Marco Padovani, e dal presidente di Acque Veronesi, Roberto Mantovanelli.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!