La lezione dello chef Perbellini alle scuole Lenotti per un’alimentazione sana e senza sprechi.

di admin
Per l'occasione, Perbellini ha cucinato una "Crème brulée di mais tostato con i bruscandoli", meglio conosciuti nel veronese come "bruscansi": una merenda genuina e gustosa, realizzata utilizzando ingredienti semplici, di stagione e facilmente reperibili. Un piatto sano e allo stesso tempo creativo, molto apprezzato dai piccoli allievi della classe 1A.

"Bisogna fare attenzione all’alimentazione, a ciò che si mangia e a non sprecare. Ed è soprattutto importante assaggiare tutto. – ha ricordato lo chef pluristellato, patron di "Casa Perbellini" in piazza San Zeno: "Per questa lezione, abbiamo scelto un cibo povero, pensando anche al costo della materia prima: dico sempre che con poco si può fare molto. Abbiamo scelto ingredienti della tradizione contadina, facilmente reperibili in questa stagione e del territorio: le galline un tempo razzolavano in tutti i cortili e le uova non mancavano mai, così come il latte, basilare per le famiglie, mentre i bruscandoli sono tipici di questo periodo e secondo la tradizione contadina li si raccoglieva per circa un mese e li si cucinava con un po’ di olio e burro o con l’uovo strapazzato per fare la frittata. Dalla rivisitazione di un piatto della tradizione dei nostri nonni, abbiamo proposto un budino salato con mais tostato che rimanda al gusto dei pop-corn. Abbiamo cotto la crema con una foglia di gelatina e a parte abbiamo cotto i bruscandoli sminuzzati con un po’ di olio aromatizzato all’aglio e un po’ d’acqua. Una volta tiepida, abbiamo adagiato sulla crema cotta le verdure e aggiunto un pizzico di curry".

Condividi ora!