OLIVER B PROPONE I MOBILI PRODOTTI DALLE “BRICOLE” VENEZIANE

di admin
Mobili e tavoli che impazzano a Singapore, Nuova Zelanda, Grecia, Lussemburgo, Malesia, e in parte degli States, basta che provengano niente di meno che dalla laguna di Venezia. A produrli e a lanciarli sul mercato la veronese Oliver B, che ottiene i classici pali di quercia chiamati "bricole", che a gruppi di tre, da sempre,…

Una volta sostituiti, e quindi recuperati dall’azienda scaligera, vengono portati in lavorazione dove diventano degli elementi di mobilio eccezionali. Grazie, infatti, all’effetto dell’acqua salmastra, il legno acquisisce dei colori straordianri, impreziosito anche da minuscoli forellini, segno del passaggio di un particolare mollusco bivalve che si nutre del legno, scavando piccole gallerie. Forellini perfetti di forma tonda e unici, che donano ancor più fascino ad un pezzo di storia e di quotidianità veneziana, rendendo questi mobili richiestissimi all’estero. Oliver B, che esporta per il 93% della sua produzione, da qualche mese sta portando avanti anche un progetto di allargamento anche a livello nazionale, grazie al retail. Alcune apertura monomarca sono state effettuate nelle scorse settimane ed altre sono in programmazione in questi giorni, per arrivare ad incrementare con 5 ulteriori inaugurazioni nerl 2016. "Israele e Lussemburgo ci stanno fornendo buone opportunità per il primo mercato Elita, uno dei più forti player del Medio Oriente", spiega Giuliano Segala, amministratore unico di Oliver B, "inoltre, stiamo preparando una nuova collezione per John Lewis, un cliente che si appresta a diventare il polo numero uno dei mobili in United Kingdom. Abbiamo anche firmato con HVN Ireland, catena con 13 negozi e partiremo a breve con un test".

Condividi ora!