Università di Verona, la prima in Italia tra le statali

di admin
Sei in cerca di un'università che ti offra un alto tasso di stage e opportunità lavorative? Cerchi un dottorato di alto livello con una ricerca scientifica competitiva? Oppure vuoi fare un'esperienza all'estero? Tra gli Atenei top spiccano Verona, Padova e Ca' Foscari.

Anche quest’anno lo studio del Sole 24 Ore ha emesso la sentenza: Verona prima tra le università statali, Bocconi prima tra le non statali. Bene, ma prima di cosa? Su quali criteri sono state fatte queste medie? Cerchiamo di non cantar vittoria subito e vediamo di capire un po’ meglio. Certo è comunque che se sono entrambe prime, significa che sono migliori delle altre università. Vediamo in cosa. I dati su cui si è effettuata la ricerca riguardano per metà la didattica, e per metà la ricerca.
A detta del Sole 24 Ore ciò che ha fatto la differenza rispetto alle altre università è che Verona ha un alto tasso di occupazione e un alto numero di crediti formativi che gli studenti riescono ad ottenere con stage e tirocini. Inoltre anche si distingue in particolare per la qualità della produzione scientifica (giudizi ottenuti dai prodotti di ricerca nella valutazione Anvur), la competitività (capacità di attrazione di risorse per progetti di ricerca) e la qualità dei dottorati (giudizi ottenuti dall’alta formazione nella valutazione Anvur).
“E ancora meglio – aggiunge Zaia – le nostre Università vanno sul fondamentale fronte della ricerca: Verona prima, Padova quinta e Cà Foscari che passa dal nono posto in classifica generale al sesto per il parametro della ricerca sono sinonimo di qualità dell’insegnamento ma anche di grande impegno sulla ricerca, uno dei settori più maltrattati dalle spending review e dai tagli dei vari Monti, Letta e Renzi”.


“Vinciamo nel settore degli Atenei pubblici – conclude Zaia – e questo è un motivo di vanto in più, perché sono quelli dove chiunque, a prescindere da censo e situazione economica, può frequentare ed esprimere il suo talento.

Condividi ora!