Venerdì 25 luglio – ore 18.00 incontro con Simone Cristicchi

di admin
La Feltrinelli via Quattro Spade, 2 - Verona, Tel. 045 80.90.81 Simone Cristicchi presenta il suo libro Mio nonno è morto in guerra (Mondadori), testo da cui è tratto l’omonimo spettacolo in scena ad Operaforte Festival lo stesso 25 luglio alle ore 21,00. A cento anni dal primo conflitto mondiale, un evento sul senso della…

Modera la conversazione il regista Alberto Rizzi, direttore artistico di Operaforte Festival affiancato da Davide Rossi membro del Comitato Scientifico Fondazione Magna Carta e Coordinatore di LiMes Club Verona

Si ringraziano per il sostegno: Limes Club Verona, Fondazione Magna Carta, Centro di Cultura Europea Sant’Adalberto

A seguire un aperitivo offerto dalla cantina Giovanni Ederle
Il libro Mio nonno è morto in guerra è il risultato del vagabondare artistico di Simone Cristicchi. Cristicchi è incappato in un giacimento di storie di guerra, tutte vere, tragiche, piene di umanità. In Mio nonno è morto in guerra, Cristicchi ha raccolto le testimonianze orali di vecchi soldati dell’esercito italiano, di partigiani scappati sui monti, e anche di civili coinvolti dalle vicende belliche. Un libro che è un affresco di tante piccole storie individuali che hanno fatto la Grande Storia che poi l’artista stesso porterà in scena a Operaforte cambiando voce, abiti, musiche e atmosfere. L’istrionico “cant’attore” Cristicchi darà vita durante lo spettacolo ad ogni singolo personaggio, in un caleidoscopio di emozioni capaci di commuovere e far sorridere amaramente su una delle più grandi tragedie mai accadute.

Insieme a Ippogrifo Produzioni, direzione artistica di Operaforte, sarà una giovane e dinamica azienda veronese ad animare la presentazione e l’aperitivo con il suo San Mattia Bianco. San Mattia Bianco è un vino fresco e piacevole prodotto dalla cantina Giovanni Ederle – viticoltore in San Mattia sulle colline delle Torricelle a Verona. Questa emergente realtà vitivinicola ha spesso collaborato con Ippogrifo realizzando inebrianti connubi tra arte ed enogastronomia: dei veri e propri eventi culturali in grado di appagare tutti i sensi.

Condividi ora!