L’ASPARAGO BIANCO DI BASSANO DOP OSPITE A VENEZIA

di admin
L’Asparago Bianco di Bassano a Denominazione d’Origine Protetta è stato protagonista, oggi a Palazzo Balbi di Venezia, della parte conclusiva del Punto Stampa promosso dal presidente del Veneto al termine della seduta della Giunta regionale. Il bianco e famoso turione, il più classico degli asparagi a denominazione del territorio regionale, è stato presentato e proposto…

Il grosso asparago bianco tradizionale è da secoli una gloria di Bassano del Grappa, città è anche al confine orientale della zona pedemontana della DOC Breganze: un’area dove il vino si produce da quando vi dimora l’uomo, ottimo perchè favorito dal contatto tra montagna e pianura, dalla significativa escursione termica, dove si coltiva tra gli altri uno straordinario vitigno autoctono: l’uva Vespaiola, dalla quale si ricavano il Vespaiolo DOC e il Torcolato DOCG, ricavato dalla torchiatura di uve appassite. Da decenni i Ristoratori Bassanesi hanno stretto una alleanza con il locale Asparago DOP e i suoi prodottori, che si rinnova ogni anno con la firma di un patto sottoscritto con un asparago intinto nel vino e che si traduce in una serie di manifestazioni gastronomiche all’insegna della qualità e della tipicità.
Oggi, in occasione del Punto Stampa, l’Asparago Bianco di Bassano DOP e il Vespaiolo di Breganze DOC che né è ottimo e ideale compagno a tavola, sono stati protagonisti anche a Venezia, per riproporre la loro meritata fama e il valore delle produzioni tradizionali di territorio. Nell’occasione, al presidente della Regione è stata conferita la mantellina della Confraternita dell’Asparago bassanese a Denominazione d’Origine Protetta

Condividi ora!