SALONE EUROPEO DELLA CULTURA. ZORZATO: SVILUPPARE IL CONFRONTO SUL RAPPORTO TRA CULTURA E TERRITORIO

di admin
Il vicepresidente e assessore regionale alla cultura Marino Zorzato è intervenuto oggi all’inaugurazione a Venezia della terza edizione del Salone Europeo della Cultura, che ricomprende anche il Salone dei Beni e delle Attività culturali e la manifestazione “Restaura”.

“Questa rinnovata formula della manifestazione – ha sottolineato Zorzato – è coerente con lo sviluppo del dibattito sul ruolo della cultura e il suo rapporto con il territorio, nella particolare ottica del legame con le attività produttive. Il tema di questa edizione è “Cultura è Manifattura”, volendo porre giustamente l’accento sullo stretto legame fra l’eredità culturale che caratterizza un territorio e le sue produzioni di eccellenza”.
“In quest’ottica – ha aggiunto – la scelta della Regione quest’anno è di presentare le attività in corso a seguito di un Protocollo d’Intesa, siglato a fine 2010 con Confindustria del Veneto allo scopo di collaborare sui temi della cultura d’impresa, delle possibili relazioni fra soggetti pubblici e privati e del patrimonio culturale delle imprese come fattore capace di dare un significativo valore aggiunto alle produzioni ed alla loro percezione presso il grande pubblico. È stata avviata una forma sperimentale ed innovativa di relazione tra alcuni i musei d’impresa, che utilizza lo strumento giuridico del contratto di rete d’impresa e a questa sarà data evidenza negli spazi della Regione, oltre ad alcune realtà museali ascrivibili alla categoria di museo d’impresa o di prodotto, riconosciute dalla Regione del Veneto”.
Zorzato ha fatto rilevare, infine, la significativa presenza di studenti dell’Accademia di Belle Arti di Venezia impegnati nell’ambito del progetto europeo IPA Adriatico “Art Vision” che presentano in occasione del salone degli elaborati, avvicinando i visitatori al tema delle arti contemporanee e della creatività. “Proprio il settore delle industrie culturali e creative – ha concluso il vicepresidente – sarà la nuova sfida anche delle amministrazioni che, a partire dal livello europeo che prevede un apposito Programma “Europa Creativa”, dovranno saper elaborare politiche che ne facilitino lo sviluppo”.

Condividi ora!