PROGETTO DI FUSIONE TRA BCC DI CARTURA E BCC DEL POLESINE.

di admin
I soci delle 2 banche sono convocati in assemblea sabato 23 e domenica 24 novembre per deliberare sull'operazione per la nascita di Banca Annia.

L’ipotesi di fusione tra BCC di Cartura e la BCC del Polesine potrebbe diventare presto realtà.
Il percorso di aggregazione, iniziato dai Consigli di amministrazione dei 2 Istituti e che ha visto il completamento del suo iter con l’autorizzazione di Banca d’Italia il 16 ottobre scorso, è stato illustrato alle due compagini sociali attraverso comunicazioni scritte e nel corso di incontri territoriali.
La decisione finale sull’operazione spetterà poi ai soci delle 2 Banche, convocati in assemblea al Censer di Rovigo sabato 23 novembre alle ore 15.30 per la BCC del Polesine e domenica 24 novembre alle 10.00 al Centro congressi Papa Luciani a Padova per la BCC di Cartura.
In caso di approvazione del progetto di fusione l’efficacia giuridica della nuova Banca partirà dal 1 gennaio 2014. La Banca assumerà la nuova denominazione di Banca Annia- Credito Cooperativo di Cartura e del Polesine. Le due assemblee sono chiamate a deliberare inoltre la sostituzione di due componenti del Consiglio di Amministrazione della Bcc di Cartura con due nominativi designati dalla Bcc del Polesine.
Dal voto delle assemblee dei soci potrà quindi nascere una nuova realtà bancaria interprovinciale con 31 sportelli situati in 28 Comuni, distribuiti nella provincia di Padova, a partire dal capoluogo verso la zona centro-sud della provincia (Conselvano e Monselicense) e in maniera uniforme nel territorio Polesano fino ad estendersi al Comune di Ferrara. Le due banche hanno competenza operativa su territori contigui e complementari, ma senza sostanziali sovrapposizioni.
Un’area operativa molto estesa e ben diversificata sotto il profilo geo-settoriale e che si rivolge ad una base di 5.800 soci, 210 addetti, con una clientela praticamente raddoppiata, 630 milioni di impieghi e 680 di raccolta. La nuova banca avrà sede a Cartura.
La BCC di Cartura è nata nel 1959 ed ha visto una costante espansione dei volumi e crescita del numero di clienti e filiali, a partire dal 1983 con l’agenzia di Pernumia. Dopo aver accorpato nel 1998 gli sportelli di Padova Zona Industriale e di Monselice dalla ex Banca Padova oggi opera con 16 filiali nel quadro di un importante asse strategico Nord-Sud di Padova, protendendosi a sud verso la provincia di Rovigo.
La BCC del Polesine con sede a Villadose nasce nel 2003 dall’unione di due BCC storiche della provincia di Rovigo: BCC Polesine Occidentale e BCC Medio Polesine. Opera con 15 sportelli presenti in 15 Comuni.
“L’operazione- sottolinea il Presidente della BCC di Cartura, Mario Sarti- renderà la nuova Banca aggregata meno dipendente dall’economia di un territorio ristretto, ampliando il mercato della raccolta, diversificando i rischi globali, aumentando le opportunità di crescita del margine da servizi con il potenziamento di alcune aree di business e fonti di reddito difficilmente conseguibili separatamente. Anche sul fronte dei costi- continua Sarti- avremo a disposizione più leve per sfruttare nuove economie di scala e raggiungere un livello sostenibile di solidità patrimoniale. Consistenti risparmi deriveranno dai servizi informatici unificati, dalle forniture ottenute in modalità outsourcing e dall’accorpamento delle attività di gestione crediti e di molti servizi centralizzati. Saranno ottimizzate le utenze e l’utilizzo di sistemi di gestione dati direzionale dei partners”.
“La riorganizzazione aziendale – spiega il Presidente della BCC del Polesine, Giovanni Piasentini- porterà a valorizzare le esperienze di figure professionali esistenti, la rete distributiva sarà potenziata verso alcune aree territoriali e di servizio attraverso l’introduzione di nuove progettualità e tecnologie che si tradurranno in maggiore efficienza e vicinanza nelle relazioni con la base sociale”.
Sotto il profilo organizzativo, l’obiettivo primario del nuovo Istituto sarà quello di arrivare, nel minor tempo possibile, a costituire una Banca unitaria ed efficiente che, valorizzando al meglio le rispettive esperienze, condivida intenti, valori e stile aziendale.

Condividi ora!