Quirino Maestrello – Percorso d’artista. Mostra-selezione in Sala “Birolli” sino al 15 settembre 2013.

di admin
Quirino Maestrello, ha dipinto il classico, ma si dedica, ora, al moderno. Il suo cognome indica “piccolo maestro”, ma egli è grande perché riesce a conferire alla sua opera un carattere unico ed affascinante e a trasmettere – segnala Federico Martinelli – un’emozione sincera e pulita, senza cadere nel banale o nel commerciale. Egli, consapevole…

Maestrello si dedica alla raffigurazione di paesaggi e di ritratti, con passione consolidata ed ispirazione, che lo inducono a sperimentare, con ottima capacità tecnica, anche xilografie al linoleum.
La mostra è organizzata dall’Associazione “Parete” di Verona, la quale raccoglie un dinamico gruppo di docenti, esperti e cultori d’ogni forma d’espressione artistica e di comunicazione. “Parete” si occupa di cultura nel più vasto significato della parola, dando forma ad eventi di respiro nazionale ed internazionale, toccando anche, per esempio, teatro e fotografia. In tale quadro, “Parete” ha promosso la mostra “Maestrello”, aperta sino al 15 settembre nella sala “Birolli” di via Macello 17, Verona. Ma, perché “Birolli”? Renato Birolli (Verona, 1905- Milano, 1959), ha fortemente contribuito a portare, con la sua arte, a livelli di massima eccellenza, il nome di Verona e della pittura italiana, oltre i confini nazionali, assieme a Gottuso, Sassu e Manzù.
Birolli, Tavella, Maestrello, Parete: quattro nomi, che fanno onore all’arte ed alla cultura della città scaligera.

Condividi ora!