Politiche a sostegno della famiglia, delle madri lavoratrici e difesa della la vita nascente sono gli antidoti per evitare il calo demografico

di admin
Mercoledì 14 novembre 2013 presso la nuova sede in Verona via Belvedere, 77 si è riunito il Comitato Genitori Ottavio Caccia.

Tra i vari argomenti trattati merita conto evidenziare la ” crisi della famiglia ” non solo sotto il profilo economico, ma anche valoriale atteso che essa è il cuore della società e dello Stato: primo centro educativo e formativo per  i figli, primo soggetto e protagonista del prodotto interno del nostro paese.
E’ emersa inoltre l’esigenza che a livello comunale si innovi con interventi formativi specie in prossimità delle nozze celebrate con rito civile, in considerazione anche del calo demografico con tutto quanto esso comporta. Nel corso dell’assemblea è stato ribadito che l’incremento delle nascite può avvenire soltanto attraverso prospettive sociali di fiducia, l’attuazione di politiche a sostegno della famiglia, delle lavoratrici madri e a difesa della vita nascente, tenendo presente che dall’entrata in vigore della 194 (IVG:interruzione volontaria di gravidanza) i bambini abortiti sono stati 5 milioni(dati ISTAT) Per quanto attiene al controllo della spesa pubblica si tenga conto dei milioni spesi per aborti ed inseminazioni artificiali. Queste spese si possono risparmiare intensificando l’opera di sensibilizzazione verso l’accoglienza della vita, adozioni prenatali e maggiore pubblicità alla possibilità che la donna in difficoltà possa lasciare il suo bimbo in clinica in assoluto anonimato.
Anche così si rende Verona città amica della famiglia contribuendo ad aumentare il tasso di natalità.
Il Comitato Genitori sensibile verso questi valori che con alcuni soci ha partecipato alla marcia nazionale per la vita di Roma del 13 maggio, ha dato la propria adesione anche per la prossima manifestazione che si terrà a Roma il 12 maggio 2013.
Si è preso atto anche dei riscontri positivi circa la campagna pubblicitaria contro la bestemmia negli stadi con il rinnovo dell’affissione di striscioni e slogans. Iniziativa promossa in collaborazione e con il sostegno dell’Assessorato per i giovani e la scuola del Comune di Verona.
In fine, al termine dell’assemblea dopo il ricordo del compianto prof. Carlo Marini, storico presidente del Comitato, è stato eletto presidente l’avv. Luigi Caltroni.

Condividi ora!