FURTI DI STATO: LE INCHIESTE DI GIORGIO FORNONI AL XVIII FILM FESTIVAL DELLA LESSINIA

di admin
Successo di pubblico al XVIII Film Festival della Lessinia che prosegue a Bosco Chiesanuova con la proiezione di opere cinematografiche dedicate a vita, storia, tradizioni in montagna ed eventi speciali nella Piazza del Festival. Per gli incontri Parole Alte, venerdì 24 agosto (alle 18) ospite della rassegna sarà Giorgio Fornoni. In Furti di stato: l'indifferenza…

CONCORSO
Dal Messico, in anteprima per l’Italia, prima pellicola in Concorso venerdì 24 agosto alle 21 sarà il cortometraggio in bianco e nero Lupano Leyva di Felipe Gòmez (2010). Le aride montagne messicane fanno da sfondo alle vicende del soldato federale Lupano Leyva. Mentre vaga ferito, viene soccorso da un menestrello il cui canto richiama l’assurdità della guerra. A seguire, due film italiani: Piccola terra di Michele Trentini (2012), ambientato sui “fazzoletti di terra” di Valstagna, nel Canale di Brenta in provincia di Vicenza, dove si coltivava il tabacco. Qui si gioca un destino in controtendenza di persone diverse tra di loro, unite dal desiderio di fare rinascere questi terrazzamenti: c’è chi rimane aggrappato al podere di famiglia e chi, originario del Marocco, coltiva il sogno dell’integrazione per i propri figli piantando menta importata dal Nord Africa. Regista e alcuni protagonisti del film saranno al Teatro Vittoria per dialogare con il pubblico del Festival. Sarà a Bosco Chiesanuova anche Valentina De Marchi, regista di Compagno orso (2012). Le riprese amatoriali girate dal pastore Lorenzo sugli alpeggi di Malga Ghirlo, nel Parco dell’Adamello Brenta, testimoniano una storia vera. A rompere la quiete, i nuovi inquilini orsi guardano interessati alle sue pecore.

ALTRE MONTAGNE
Con il «road movie» girato tra Alpi e Balcani La transumanza della pace di Roberta Biagiarelli (Italia, 2011) e l’anteprima italiana Home tranquil, fortmage artesà / Uomo tranquillo, formaggio artigianale di Albert Galindo Mallol (Spagna, 2011) la rassegna continua, alle 18.30, con la sezione Altre montagne. Entrambi i registi saranno presenti in sala per incontrare il pubblico del Festival. La Biagiarelli porterà sullo schermo il viaggio di cinquanta manze che partono dalla Val Rendena, in Trentino, per essere donate alle famiglie di Suceska-Srebrenica, in Bosnia Erzegovina. Un’azione di solidarietà voluta da Gianni Rigoni Stern per fare fronte ai danni lasciati in quelle terre dalla guerra e dare una prospettiva di futuro agricolo a una comunità ancora in grande difficoltà. Albert Galindo Mallol porta al Teatro Vittoria le vicende di un uomo tranquillo che bada alla sua mandria di capre sui pascoli di Bar, capitale della contea di Baridà in Catalogna. La natura ha il suo ritmo, il pastore lo asseconda senza fretta e ne raccoglie i frutti, come il formaggio artigianale.

LE MONTAGNE DEI RAGAZZI 8+
Proseguono al Teatro Vittoria le proiezioni per i ragazzi. Sono due in film in cartellone alle 16: Blue line / linea blu di Alain Sauma (Francia, 2011) e Carnia 1944. Un’estate di libertà di Marco Rossitti (Italia, 2012). Il primo è una pellicola contro la guerra e racconta la storia di una mucca libanese che, per dissetarsi, si spinge sul versante israeliano; un soldato indiano dell’Onu farà di tutto per salvarla. È un’opera cinematografica didattica quella di Rossitti, che sarà a Bosco Chiesanuova per rispondere alle domande del pubblico a fine proiezione: tra realtà e immaginazione, filma le impressioni di una scolaresca in visita ai luoghi della Repubblica Libera della Carnia per rivivere le vicende partigiane del 1944.

LABORATORI
Quiz e prove di abilità alla scoperta del cioccolato. Alle 10.30, con il laboratorio Il giro dell’oca del cacao a cura della cooperativa Le Rondini (El Ceibo e La Rondine) socia di Altromercato, i bambini potranno scoprire segreti e curiosità del frutto dal quale si ricava il cioccolato in un divertente giro dell’oca. Informazioni e iscrizioni allo Iat Lessinia, telefono 045.7050088. Prezzo 3 euro.

PIAZZA DEL FESTIVAL
Alle 23.15, con lo spettacolo Al Kafila (la carovana), Jamal Ouassini accompagnerà il pubblico della Piazza del Festival fin sulle sponde meridionali del Mediterraneo. Il raffinato violista di Tangeri, accompagnato dal suo ensemble di musicisti marocchini, presenterà un viaggio musicale dedicato ai popoli e alle tradizioni del Medio Oriente e del Nord Africa. Ingresso libero.

Condividi ora!