ARTEMISIA: CONTEMPORARY OFELIA

di admin
Titolo performance: CONTEMPORARY OFELIA Artista: Diambra Mariani e Valentina Merzi Inaugurazione: sabato 23 giugno 2012 alle ore 18.00 Curatore: Gaia Guarienti Periodo: 23 e 24 giugno 2012 - 30 giugno e 1 luglio 2012 Orario apertura: sabato dalle 18.00 alle 19.30 e domenica dalle 10.30 alle 12.30

Sabato 23 giugno 2012 alle ore 18.00 presso l’oratorio del Drago a San Martino Buon Albergo (VR), l’Associazione Culturale Artemisia in collaborazione con KN Studio ripropone “Contemporary Ofelia” una mostra delle fotografe Diambra Mariani e Valentina Merzi, curata da Gaia Guarienti.
Le fotografie fanno parte di un lavoro già esposto in altre occasioni, tra cui la mostra “Leggerezza in penombra” inauguratasi alla galleria d’arte KN Studio di Verona nel 2011.

“La rifrazione della luce nell’acqua trasparente, la vibrazione sottile dei colori – dei verdi, dei viola, dei rosa, dei bianchi – screziati in luminosi e cangianti frammenti, la leggerezza dei morbidi tessuti sui corpi femminili è il tema conduttore della mostra delle fotografe Diambra Mariani e Valentina Merzi
Ofelia, innamorata di Amleto e da lui respinta, impazzisce di dolore al punto di decidere di porre fine alla sua esistenza immergendosi nell’acqua (…salvifica, per lei!) e ritornare così simbolicamente nel primordiale liquido amniotico da cui era fuoriuscita: il cerchio vita/morte, così, si chiude. Diambra Mariani e Valentina Merzi costruiscono l’immagine di un’Ofelia trasognata, lieve, ingenua, dolcemente sospesa nell’acqua e creano un’opera che per antitesi abolisce la statica e immutabile fissità di Ofelia nella famosissima tela del preraffaellita John Everett Millais (1852). Restano, nelle foto di Diambra e Valentina, i colori della pittura preraffaelita, le luci, una morbidezza soffusa e velata, ma Ofelia qui si muove, percepisce i profumi dei fiori, il calore del sole sulla pelle del viso, la bellezza del paesaggio, delle felci e del salice piangente. In “Ofelia, 01” il gesto estremo sta per essere compiuto: nella foto vediamo l’accenno di una gamba nella trasparenza della veste candida immersa nell’acqua.
I personaggi femminili indagati da Diambra Mariani e Valentina Merzi, hanno vite sospese. La loro è una leggerezza in penombra.”
[tratto dal testo di Gaia Guarienti]

CENNI BIOGRAFICI:
Diambra Mariani nasce a Verona nel 1982, nel 2008 si laurea in Giurisprudenza a Milano. Vive a Verona. Valentina Merzi nasce a Verona nel 1983, nel 2008 si laurea in filosofia a Verona. Vive a Venezia.

Nel 2009 frequentano insieme il Master in Photography and Digital Imaging all’Istituto Europeo di Design, a Venezia.

Da questo fortunato incontro nasce una collaborazione che le porta alla creazione dello pseudonimo ‘Inheritance’, un ipotetico ‘contenitore’ di progetti fotografici, multimediali ed artistici. Insieme, grazie alla collaborazione con Onlus, partecipano a progetti di sensibilizzazione sociale attraverso il linguaggio fotografico destinati ad adolescenti e persone in detenzione penale esterna.
Inizialmente la loro attività si concentra infatti sull’analisi sociale tramite immagini sia reportagistiche che metaforiche. Recente è la decisione di concentrarsi prevalentemente sulla tematica femminile, dando vita ad un progetto a lungo termine, ancora in fieri, sulle ‘icone tragiche’, lette e reinterpretate in chiave contemporanea.

Nel 2010 il loro progetto “Catti_vita” viene selezionato per la rassegna fotografica Confini08, che le ha portate ad esporre a Milano, Torino, Genova; Trieste, Palermo, Roma, Firenze.
Sempre in quell’anno il lavoro “Contemporary Ofelia” viene selezionato per la decima edizione di Marghera Fotografia e per la prima edizione del Lens Art Based Show di Torino.
Nel 2012 Valentina Merzi viene selezionata dalla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia per una residenza per artisti della durata di un anno.
Sempre nel 2012 un’immagine del loro progetto Contemporary Ofelia viene selezionata in occasione del concorso internazionale DonkeyArtPrize.

Condividi ora!