“Amici Progetto Roberto”La Provincia stanzia 25 mila euro per il centro bambini abbandonati di Boyà

di admin
Oggi, in Sala Rossa al Palazzo Scaligero, il presidente Giovanni Miozzi ha illustrato all'associazione “Amici del Progetto Roberto” il contributo che la Provincia ha stanziato per il nuovo centro bambini abbandonati di Boyà, provincia di Monte Plata, Santo Domingo.

Sono intervenuti: il vice presidente della Provincia, l’assessore al Volontariato Marco Luciani e il presidente del Consiglio Provinciale, nonché presidente dell’associazione “Amici del Progetto Roberto”, Antonio Pastorello.
Erano presenti: Roberto Danese, missionario laico; per l’associazione “Amici del Progetto Roberto”: Luigi Foglia, vice presidente, Claudia Bergamo, vice presidente vicario, Franco Castelli, Franco Zanza e Guido Farina, consiglieri, Maurizio Zamana, collaboratore.
La Giunta provinciale ha stanziato 25 mila euro per contribuire alla costruzione del nuovo centro bambini abbandonati di Boyà. Il terreno su cui sorgerà è già stato acquistato, i lavori di costruzione inizieranno a breve. L’intera opera costerà circa 100 mila euro e servirà per dare una risposta all’emergenza dei bambini haitiani. Sono infatti già 40 i bambini abbandonati e in cerca di sistemazione, che al momento sono stati alloggiati presso alcune famiglie. Per questo motivo si è resa necessaria la costruzione di un nuovo edificio che si unisce all’altro centro in cui attualmente  il “Progetto Roberto” ospita 70 bambini. 
L’Associazione “Amici del Progetto di Roberto” sostiene l’opera di Roberto Danese, missionario laico veronese che dal 1987, impegnato nell’assistenza dei più deboli nella Repubblica Dominicana. L’esperienza del “Progetto Roberto” di Sabana Grande de Boyà ha già permesso la realizzazione di una struttura in grado di ospitare fino a 4 mila bambini, gestita dalle suore missionarie dominicane e sostenuta dal governo del luogo. Roberto Danese sta attualmente sperimentando con successo la costruzione e gestione di piccole scuole nei villaggi nella provincia di Monte Plata. In questo modo i bambini rimangono vicini alle loro famiglie e, attorno alla scuola, viene creata un’economia. 
Roberto terrà alcuni incontri nel veronese prima di ripartire per la Repubblica Dominicana:
sabato 7 aprile, ore 21, Concerto Lirico al Teatro Filarmonico di Verona (Il costo del biglietto, 25 euro, verrà devoluto per finanziare la costruzione del centro)
martedì 10 aprile, ore 20.30, incontro a Cologna Veneta
mercoledì 11 aprile, ore 20.30, incontro a Badia Calavena
giovedì 12 aprile, ore 20.30, incontro a Chiampo (VC)
venerdì 13 aprile, ore 21, incontro a Verona
sabato 14 aprile: ore 16, incontro a Ronco all’Adige; ore 20.30, incontro a San Martino Buon Albergo
Presidente Miozzi: “In Giunta abbiamo deciso all’unanimità di stanziare questi fondi per contribuire ad alleviare un’emergenza grande, e non ancora risolta, come quella causata dal tremendo terremoto di Haiti. Questi 25 mila euro sono quindi un gesto spontaneo verso un veronese, Roberto Danese, che da ormai 25 anni dedica la sua esistenza ad aiutare le popolazioni in difficoltà. Grazie a lui, conosciamo la gravità e l’urgenza della situazione di Santo Domingo, resa ancora più complicata dall’emergenza post terremoto che ha colpito Haiti. Per questo abbiamo deciso in tempi brevissimi di stanziare la somma. Non posso che ringraziare Roberto per quello che fa, è grazie a persone come lui che viviamo in un mondo migliore”.
Presidente Pastorello: “A nome dell’associazione ‘Amici di Roberto’ voglio ringraziare la Giunta provinciale e il presidente Giovanni Miozzi per la cospicua donazione. Questi 25 mila euro, uniti ad altri 10 mila raccolti da donatori privati, rappresentano un grosso aiuto per il nuovo progetto. Il numero di bambini bisognosi è in continuo aumento, e Roberto sta ricevendo numerose richieste di accoglienza, tant’è che oggi ospita anche tre bambini per letto pur di non abbandonarli a loro stessi. Purtroppo la catastrofe di Haiti ha aggravato la situazione e il volontario veronese comincia ad avere difficoltà a rispondere a tutte le richieste di aiuto. Mancano ancora altri fondi, ma bisogna avere fiducia nella provvidenza e nella volontà di tutte le persone che aprono il loro cuore. Sono sicuro che nel suo cammino, Roberto incontrerà amici sempre nuovi e pronti a dargli una mano”.
Roberto Danese: “Il bisogno di aiuto è diventato molto più urgente dopo i fatti di Haiti. Pensate che ci sono mamme haitiane che abbandonano volutamente i loro figli nella Repubblica Dominicana per salvarli da una morte certa. Le poche associazioni capaci di accoglierli, tra le quali c’è la nostra, stanno incontrando notevoli problemi economici e di spazio. Il nostro centro, che fino a poco fa era grande, è diventato piccolissimo rispetto alla massa di bambini malati e denutriti che hanno bisogno di aiuto. I soldi raccolti rappresentano un impulso a migliorarci, ma purtroppo tutto questo ancora non basta. Fino ad oggi abbiamo aiutato più di 4.800 bambini, spero si riesca a proseguire su questa strada. So che la crisi ha colpito anche l’Italia, ma vi garantisco che l’America Centrale la sta avvertendo ancora di più. Confido nel buon cuore delle persone sperando che tengano a mente che non c’è povero che non possa aiutare un altro povero”.

Condividi ora!