Variante alla SS12 -Incontro fra Provincia, Veneto Strade e Comuni interessati

di admin
Oggi, nella Sala Giulietta e Romeo al Palazzo Capuleti, l'assessore alla Programmazione territoriale Samuele Campedelli e l'assessore alla Manutenzione viabilistica Carla De Beni hanno incontrato i rappresentanti dei Comuni interessati alla Variante della SS12

Erano presenti il presidente di Veneto Strade Roberto Turri, sindaci e assessori di Verona, Buttapietra, Castel d’Azzano, Isola della Scala. 
La Regione ha stanziato 400 mila euro per la progettazione della Variante alla SS12 che dalla circonvallazione di Isola della Scala arriva fino a Verona, mentre gli uffici tecnici di Veneto Strade hanno prodotto alcune ipotesi tecniche sulle quali servono ora le osservazioni del territorio.
Assessore Campedelli: “Nella sua funzione di ente coordinatore di area vasta, la Provincia svolge oggi una funzione importante per un segmento di territorio che attualmente ha non pochi problemi viabilistici. Una Variante alla attuale Statale 12 è indispensabile nel tratto congestionato tra Isola e Verona. L’incontro di stamattina con i sindaci serve a recepire tutte le esigenze della popolazione. Il tracciato presentato da Veneto Strade ha trovato la condivisione degli amministratori e dei rappresentanti del Comitato di cittadini, presenti all’incontro. Adesso Veneto Strade parlerà con l’Anas, che è il soggetto attuatore, così da accorciare i tempi. Quando ci saranno le risorse disponibili, tutto sarà più rapido perchè dal territorio è arrivata la condivisione al tracciato. Il prossimo appuntamento sarà fra un mese”.
Assessore De Beni: “Il progetto preliminare che abbiamo esaminato oggi è un significativo passo in avanti verso la soluzione di un problema che la gente sopporta da molto tempo. Le ipotesi di tracciato proposte oggi da Veneto Strade non si discostano molto da quelle già elaborate dagli uffici tecnici della Provincia nel 2003, fatta eccezione per gli adeguamenti alle nuove norme. Il preliminare verrà inviato ai Comuni in modo da avere una loro approvazione anche formale e procedere così con la progettazione. Per quanto riguarda la Provincia, dopo aver coordinato i sindaci, dobbiamo ora lavorare sulle ipotesi di collegamento della nuova arteria con la rete di strade provinciali già esistenti”.

Condividi ora!