Tavolo Tecnico Zonale antismog

di admin
Decise le misure di contenimento per l'inverno 2011.

Ieri, al Palazzo Scaligero, il vice presidente e assessore all’Ambiente Fabio Venturi ha illustrato le azioni contro l’inquinamento atmosferico per il periodo invernale 2011-2012 decise  nella seduta plenaria del Tavolo Tecnico Zonale.
Erano presenti: l’assessore all’Ambiente del Comune di Verona Federico Sboarina, i rappresentanti degli altri Comuni veronesi e i tecnici Arpav, Giancarlo Cunego e Francesca Predicatori.
Il Tavolo Tecnico Zonale di oggi ha deciso e votato le misure antismog, che saranno in vigore dal 10 ottobre 2011 al 18 maggio 2012. Ci sono quattro  novità rispetto all’inverno scorso, che sono:
cinque “Giornate provinciali dell’ambiente”, che si terranno la terza domenica di novembre, dicembre, gennaio, marzo e aprile. Non ci sarà il divieto di circolazione delle auto, saranno i singoli Comuni a decidere cosa fare;
una domenica di blocco totale del traffico, fissata per il 19 febbraio 2012 in occasione della Maratona di Verona;
blocco delle auto non catalitiche che avverrà in orari diversi rispetto agli anni scorsi, e cioè continuamente dalle ore 8 alle ore 18, senza alcuna finestra (interruzione) a metà giornata. L’unica eccezione riguarderà i mezzi agricoli, che potranno circolare tra le ore 12 e le ore 14. In questo modo il blocco aumenterà la propria durata, che salirà a 10 ore giornaliere, e sarà sospeso solo durante le vacanze di Natale, ossia dal 17 dicembre 2011 all’8 gennaio 2012. Il blocco è in vigore dal lunedì al venerdì per i veicoli Euro 0 a benzina, Euro 0 e Euro 1 diesel;
l’obbligo di copertura dei camion che trasportano materiale polverulento che si propaga nell’atmosfera, questi mezzi contribuiscono all’aumento delle PM 10.
Diversamente da altre province, a Verona si è scelto di non effettuare il blocco dei mezzi Euro 2, i quali potranno quindi continuare a circolare. Il Tavolo tecnico ha inoltre mantenuto in vigore le misure e i provvedimenti già stabiliti negli anni scorsi, tra cui:
l’obbligo di spegnimento del motore durante la fermata al semaforo;
il divieto di effettuare combustioni all’aperto in ambito agricolo;
l’abbassamento della temperatura di un grado negli ambienti.
Assessore Venturi: “Le scelte del tavolo di oggi, che abbiamo condivise con il Comune di Verona e gli altri Comuni veronesi, vanno nella direzione del buon senso. Intendo dire che, in un periodo come questo di gravi difficoltà per le famiglie, non abbiamo ritenuto di aggiungere problemi ulteriori aumentando il numero dei modelli. Continua quindi il blocco delle auto non catalitiche Euro 0 e Euro 1 perché siamo convinti che il miglioramento della qualità dell’aria non si raggiunga con il blocco del traffico. Servono invece le misure strutturali, sulle quali stiamo continuando a lavorare, per farci raggiungere traguardi significativi. La novità delle ‘Domeniche ecologiche per le famiglie’ ritengo aiuti a diffondere fra i veronesi una consapevolezza ambientale ancora maggiore”.

Condividi ora!