Sequestrate borse contraffatte in negozio di parrucchiere

di admin
La titolare di un negozio di parrucchiere in via Giovanni della Casa, di nazionalità cinese, è stata denunciata all’Autorità giudiziaria per vendita di prodotti contraffatti e utilizzo di manodopera irregolare.

 L’attività irregolare è stata scoperta dalla Polizia municipale che, grazie alla  segnalazione di un cittadino, ha iniziato le operazioni di controllo su quanto accadeva all’interno del locale. “Attraverso una nostra agente che si è finta cliente del negozio – spiega il Comandante della Polizia municipale Luigi Altamura – è stato scoperto un  vero e proprio commercio abusivo di borse di prestigio, con tanto di scelta e prenotazione del prodotto attraverso catalogo; le signore si recavano nel negozio per le acconciature e uscivano con borse contraffatte del marchio di Luis Vuitton, che pagavano al modico prezzo di 120 euro. Le borse sono di ottima fattura – prosegue Altamura – con rifiniture e particolari del prodotto pressoché identici agli originali, con elementi di differenza molto marginali che spesso le clienti non sono in grado di individuare. Stiamo parlando di contraffazione di alto livello – sottolinea il Comandante –  con una produzione di oggetti firmati Vuitton così uguali agli originali come mai si erano visti a Verona.  Se il fenomeno del commercio abusivo su strada a Verona è del tutto scomparso – ricorda Altamura – rimane da contrastare  il mercato illecito di questi prodotti, quasi sempre provenienti dall’estero, ed effettuato in negozi di vario tipo”. All’interno del salone di parrucchiere sono stati individuati anche due lavoratori cinesi irregolari sul territorio nazionale, che sono stati accompagnati in Questura per le procedure di espulsione. Accertamenti sono in corso al Settore Commercio del Comune per verificare il tipo di licenza concessa alla titolare del negozio.    

Condividi ora!