Arena di Verona: presentato 89° Festival Lirico

di admin
Il Sindaco e presidente della Fondazione Arena Flavio Tosi e il sovrintendente Francesco Girondini hanno presentato oggi a Palazzo Barbieri l’89° Festival lirico, che inaugura il 17 giugno con La Traviata di Giuseppe Verdi.

Sei i titoli in scena fino al 3 settembre, per un susseguirsi di 49 serate: La Traviata (17 giugno),  Aida (18 giugno), Il Barbiere di Siviglia (25 giugno),  Nabucco (9 luglio), La Bohème (6 agosto)  e Romeo et Juliette (20 agosto). Hanno partecipato alla presentazione della stagione lirica 2011, il regista Hugo de Ana, il direttore d’orchestra Carlo Rizzi, il soprano Ermonela Jaho, il tenore Francesco Demuro, il direttore artistico della Fondazione Arena Umberto Fanni insieme ai consiglieri d’amministrazione Sergio Cinquetti e Luigi Tuppini, l’assessore alla Cultura del Comune Erminia Perbellini. Presenti anche, in rappresentanza del Major partner Unicredit, il responsabile per l’Italia della sezione “Eventi e Partnership” Carla Mainoldi,  per l’Official Sponsor Volkswagen Group Italia l’amministratore delegato e presidente Giuseppe Tartaglione, e i rappresentanti di Veronafiere, da quest’anno Official Partner della Fondazione Arena.  “Questa stagione parte sotto i migliori auspici – ha detto il Sindaco Tosi –  le prevendite vanno meglio degli anni passati e quest’anno la serata inaugurale sarà onorata della presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha accettato l’invito a tornare nella nostra città per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia insieme ai veronesi e al pubblico internazionale dell’Arena. Sarà un evento unico – aggiunge Tosi – che contribuirà a rilanciare l’Arena e l’indotto che essa genera, con benefici per tutta l’economia cittadina. Questa Amministrazione – prosegue il Sindaco – si è impegnata per promuovere a livello internazionale Verona e la sua immagine, indissolubilmente legata all’Arena, realizzando manifestazioni ed eventi collaterali;  i più recenti “Galà della lirica” e “Wind Music Awards”, insieme alle produzioni liriche di alto livello in programma, non solo rendono onore al grande nome dell’Arena e dei suoi spettacoli, ma rappresentano un volano per le categorie economiche e per tutta la città”. “Quella che sta per iniziare sarà una stagione particolarmente ricca – ha commentato il sovrintendente Girondini – con tre nuovi allestimenti e ben 49 serate di recita.  Tra le novità La Traviata inaugurale, la rivisitazione di un Nabucco storico e il ritorno di Romeo et Juliette, rappresentato per l’ultima volta nel 1975: un sesto titolo d’eccezione – precisa Girondini – che vorremmo rimanesse un titolo costante del cartellone, in omaggio alla storia d’amore veronese per eccellenza e alla nostra città, consacrata a pieno titolo capitale della musica”. “Come sempre – ha aggiunto l’assessore Perbellini – il festival areniano contribuirà a far confluire nella città di Verona numerosi turisti. A questo proposito l’aeroporto Catullo ha stipulato convenzioni con alcune compagnie aeree per la realizzazione di offerte promozionali, in concomitanza con il calendario delle rappresentazioni liriche: un prezioso supporto per le categorie economiche locali, tanto più in un periodo di crisi come quello attuale”.    

Condividi ora!