Il neonato morto a Bologna apre una discussione sulle finalità delle leggi dello Stato!

di admin
Ha fatto scalpore che un neonato, di appena 20 giorni, sia morto di stenti a Bologna.

Ha fatto scalpore anche che si tratti di un bimbo italiano, di genitori italiani, e non immigrati sbandati reietti privi di lavoro e Patria. Ora, la ruotine prevede, l’apertura di indagini legali per capire di chi è la colpa.  A me ha fatto specie di  non aver sentito commentatori interrogarsi sul perchè due genitori italiani non vogliano l’aiuto dello Stato per crescere i figli, perchè, stando a quanto   affermato hanno mentito spudoratamente sulle loro situazioni economiche e personali rifiutando qualunque intervento che poteva salvare la vita di quel neonato? Se una madre ed un padre hanno aspettato fino all’ultimo a portare il figlio in ospedale, vuol dire che avevano a cuore la vita di quel bambino, di chi o di cosa avevano paura per non muoversi prima? Avevano forse paura delle  caritatevoli ed amorevoli istituzioni statali e comunali? Avevano paura di vedersi espropriati dei loro figli di serie B? Ma i figli sono di chi li fa, della società o della collettività? Sono problemi che chi cerca il bene dei bambini forse non si pone con la dovuta pertinenza ma, vengono evidenziati in questi casi limite. E poi, occorre impedire che chi non ha i mezzi economici per educare correttamente, secondo i canoni sociali imperanti, i figli devono essere allontanati dalla tutela genitoriale, indegna e violenta, e deve pensarci lo   Stato? E fino a che punto? Sono temi questi che quando si impostano mettono in dubbio leggi sociali che vanno contro le leggi naturali, e su cui si deve  pensare. Un dato mi appare chiaro, la tutela dei minori non può essere disgiunta dalla tutela della famiglia  che viene tutti i giorni attaccata.   Altrimenti, giusto o sbagliato che sia, chi paga è  il debole, l’indifeso, il neonato, proprio colui che si vuol aiutare. Ognuno vuol decidere della propria vita ed il singolo individuo, cercherà legittimamente, secondo le leggi naturali,  di sfuggire alle regole e cercare una soluzione personale creando grave  nocumento a se ed ai suoi cari, ma questo sta nelle cose. Si rischia di essere più realisti del re non considerando che, a dispetto di finti egualitarismi  dichiarati, la vita mostra figure di serie A, B o C,  e una persona vive dignitosamente la propria vita, nelle categorie diverse, purchè sia rispettata la sua dignità. Il tema è ampio e queste brevi riflessioni servono solo ad aprire la discussione e a far riflettere, in attesa di altri che sapranno sicuramente fare di più e meglio.

Condividi ora!