Approvate ratifiche accordo di programma recupero Castel san pietro ed interventi Polo culturale

di admin
Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la ratifica dell’accordo di programma tra Comune di Verona e Fondazione Cariverona, riguardante il recupero per riuso ad attività museali e culturali del complesso di "Castel San Pietro”.

“Si tratta di approvare la ratifica dell’accordo di programma stipulato lo scorso 9 dicembre tra Comune e Fondazione – ha spiegato l’assessore all’urbanistica Vito Giacino – relativo al recupero per riuso ad attività museali dell’intero complesso di Castel San Pietro e delle aree pertinenziali, la casa del custode e la stazione dell’ex funicolare. Il recupero dell’area ha lo scopo specifico di costituire un polo di attrazione culturale e turistica all’interno della città. Trascorsi quindici giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune, l’accordo acquisirà definitiva efficacia”. “Il nostro gruppo consiliare – ha detto Roberto Uboldi (PD) – vota in maniera favorevole a questa delibera che di fatto riprende esattamente i contenuti di quella approvata già nel 2006 durante la passata Amministrazione. Riteniamo fondamentale in particolare che venga mantenuta la praticabilità pedonale per il piazzale”. “E’ importante dare  finalmente vita a Castel San Pietro – ha aggiunto Paolo Zanotto (PD) – altrettanto lo sarebbe capire quali sono le intenzioni dell’Amministrazione per gli spazi interni, visto il caos attualmente presente nel sistema museale cittadino, dopo la trasformazione a contenitore per mostre della Gran Guardia, storicamente di vocazione congressuale, e per feste di compleanno del Palazzo della Ragione, già attrezzato come contenitore museale”. Il Consiglio comunale ha successivamente approvato, con 24 voti a favore, 9 contrari e 2 astenuti, la ratifica dell’accordo di programma tra il Comune di Verona e la fondazione Cariverona, per la rimodulazione degli interventi previsti nell’ambito del "Polo Culturale". L’Amministrazione ha anche accolto un emendamento presentato dal consigliere Salvatore Papadia (FI) che affida alla giunta comunale la scelta delle modalità di realizzazione dei parcheggi interrati. Respinti dal Consiglio comunale due emendamenti ed un ordine del giorno presentati dai consiglieri del gruppo PD Stefania Sartori e Carlo Pozzerle. “L’approvazione della ratifica dell’accordo di programma – ha detto Giacino – comporta contestualmente la variante degli strumenti urbanistici, l’approvazione del programma e la dichiarazione di pubblica utilità per le opere in esso previste.”. Contrari alla ratifica i consiglieri della minoranza. “Rispetto al vecchio piano  che prevedeva di realizzare i parcheggi su area della Fondazione Cariverona – ha commentato Roberto Uboldi (PD) – questa delibera stabilisce invece di realizzarli in area comunale. Consideriamo questo un immotivato favore alla Fondazione”. “Ci piacerebbe sapere se la fiera è stata interpellata e coinvolta in questa decisione che allontana i posti auto portandoli a Verona Sud” ha detto Giancarlo Montagnoli (PD) e “Se esiste una convenzione tra Comune Fondazione Cariverona in merito?” ha aggiunto Carlo Pozzerle (PD).. Con 24 voti favorevoli il Consiglio ha poi approvato la variante 1 al PEEP piano di zona "Poiano", via Bakita. Accolti dall’Amministrazione anche l’Ordine del Giorno presentato dal consigliere Bruno Tacchella (FI) che invita l’Amministrazione a spostare i parcheggi a raso su via Bakita di almeno 5 metri per consentire alle auto manovre in sicurezza e di allargare la sede carrabile interne alla lottizzazione per garantire un’ulteriore area di sosta. Con 26 voti favorevoli e 9 astenuti il Consiglio si è successivamente espresso riguardo alla terza tranche del conferimento ad Agec, come capitale di dotazione, di immobili comunali. Contestualmente si è approvato di dare atto che AGEC iscriverà ipoteca sui suddetti immobili al fine di ottenere i finanziamenti necessari a realizzare le operazioni affidatele dal Comune; di vendere gli immobili conferiti trasferendo al Comune i relativi proventi; di vincolare l’azienda alla restituzione gratuita degli immobili conferiti, qualora venisse richiesta dal Comune. Il Consiglio ha infine approvato, con 24 voti a favore e 2 contrari, l’adozione della Variante Urbanistica per l’introduzione della nuova zonizzazione ed i conseguenti cambi di destinazione d’uso e parametri urbanistici. Accolto dall’Amministrazione anche un emendamento presentato dal consigliere Marco Comencini (FI) A inizio seduta il Consiglio comunale ha approvato con 32 voti a favore la mozione presentata dal capogruppo AN Ciro Maschio che propone di stabilire per il 7 gennaio la “Giornata nazionale della Bandiera – Tricolore italiano” e, con 21 voti a favore e 11 astenuti, quella del consigliere Pd Giancarlo Montagnoli sull’ “Esecuzione dell’Inno Nazionale all’apertura di ogni seduta consiliare”.

Condividi ora!