Telecamere sulle corsie preferenziali: un bilancio delle sanzioni accertate in viale Piave e via Diaz

di admin
Durante il primo mese di attivazione delle telecamere sulle corsie preferenziali di viale Piave e via Diaz sono stati registrati rispettivamente 51 e 109 transiti irregolari al giorno, a fronte di circa 300 e 500 passaggi totali al giorno.

Il numero dei trasgressori è diminuito sensibilmente nel secondo mese di attivazione dei varchi, passando a 40 al giorno per viale Piave e 79 al giorno per i primi 10 giorni di luglio di via Diaz. Questi i dati definitivi forniti in questi giorni dalla Polizia municipale che finora stima approssimativamente circa 7 mila transiti irregolari da parte di conducenti non autorizzati, su corsie preferenziali dedicate a bus e taxi. In viale Piave, metà dei trasgressori sono motociclisti e scooteristi, l’altra metà auto e furgoni. Diversa la situazione in via Diaz, dove auto e furgoni sono molti di più: circa il 70 per cento del totale. Alla vigilia dell’attivazione delle telecamere di via San Paolo e via Carducci l’attenzione da parte della Polizia municipale è molto alta, visto che in Interrato dell’Acqua Morta i sistemi rilevano circa 8 mila passaggi al giorno. La situazione è attentamente monitorata anche dai settori Mobilità e Traffico ed Informatica del Comune di Verona, proprio per assicurare che tutti i sistemi tecnologici rilevino permessi e deroghe ed autorizzino i relativi passaggi.

Condividi ora!