Provincia e Ufficio Scolastico Territoriale

di admin
Firma del Protocollo d'Intesa per la messa in rete delle biblioteche.

Stamattina nella Sala Rossa al Palazzo Scaligero, l’assessore alla Cultura Marco Ambrosini e il direttore dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Verona Giovanni Pontara hanno firmato il Protocollo d’Intesa per la gestione coordinata della “Rete bibliotecaria scuole veronesi”.
Erano presenti: l’assessore provinciale all’Istruzione Marco Luciani; la dirigente provinciale Francesca Altinier; per l’Ufficio Scolastico Territoriale, Laura Donà e Annalisa Tiberio; il professor Ivo Mondini dell’istituto “Cavalchini-Moro” di Villafranca, capofila di una rete di scuole già attive.
Con la sigla del Protocollo, la Provincia aggiungerà alla rete di tutte le biblioteche provinciali (SBPvr) anche quelle scolastiche. Si creerà così un unico grande sistema informatico per accedere al patrimonio librario veronese.
Il sistema bibliotecario provinciale (SBPvr), realizzato dalla dirigente provinciale Francesca Altinier, ha cominciato nel 2005 ad allargare i propri servizi al patrimonio delle biblioteche scolastiche, per costituire un catalogo informatizzato disponibile via internet.
L’evoluzione intervenuta nei programmi informatici, a base del funzionamento dei sistemi bibliotecari, ha reso necessario individuare un software specifico per le scuole (Bookmarkweb), finanziato dalla Provincia di Verona, in grado di valorizzare le specificità delle sole biblioteche scolastiche e dei servizi da esse svolte a docenti e studenti.
Inoltre, l’estensione del sistema bibliotecario su tutto il territorio veronese (aderiscono al SBPvr 64 biblioteche civiche) comporta parallelamente l’opportunità di assicurare a tutte le scuole, di ogni ordine e grado, l’adesione al medesimo sistema. In questo modo si agevola la collaborazione tra le biblioteche del territorio e si promuove la lettura presso i ragazzi, con iniziative trasversali che coinvolgono sia le istituzioni scolastiche sia le biblioteche comunali. E’ il caso, ad esempio, del progetto ministeriale “Amico libro”, promosso dall’UST, che in questa attività di promozione della lettura potrà fruire dell’infrastruttura di servizi messa a disposizione dal SBPvr.
Attraverso la collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Verona è stato concordato il testo del Protocollo d’Intesa che, recependo gli sviluppi di questi ultimi anni, assicura lo sviluppo e la prosecuzione dei servizi alle biblioteche scolastiche.
In particolare, la Provincia estenderà a tutte le scuole che aderiranno alcuni servizi essenziali per la vita delle biblioteche, tra cui l’infrastruttura informatica per il catalogo unico online, il software specifico (Bookmarkweb), l’outsourcing dei server e delle connessioni internet centrali, la formazione agli addetti, il coordinamento della rete, il servizio di catalogazione centralizzata, ecc.
E’ allo studio anche la possibilità di attivare, su iniziativa delle singole scuole, un servizio di interprestito che permetta lo scambio di libri e DVD tra le biblioteche scolastiche e le biblioteche civiche che aderiscono al SBPvr.
Assessore Ambrosini: “Sono molto soddisfatto di essere qui oggi per siglare il Protocollo d’Intesa con l’Ufficio Scolastico Territoriale perché rappresenta un passo importante nella divulgazione della cultura attraverso il patrimonio librario. Inoltre, è anche una testimonianza dell’impegno che la Provincia di Verona ha profuso in questa iniziativa. Rendere disponibile ai lettori veronesi anche le dotazioni delle scuole è sicuramente un passo significativo per avvicinare ancora di più alla lettura. Mi auguro che questo accordo faccia da apripista per molte altre collaborazioni future perché credo che l’operare in sinergia di enti ed istituzioni possa dare grandi e soddisfacenti risultati”.
Dirigente Pontara: “Il Protocollo di oggi è un’occasione offerta alla scuola veronese e alla quale non potevamo mancare. Il nostro compito come UST è di divulgare e rendere il più possibile accessibile la cultura tra i ragazzi, promuovendo la lettura e agevolando la reperibilità delle fonti: in quest’ottica il Protocollo che siamo qui oggi a firmare, rappresenta un grande strumento.  Sarà nostro impegno diffonderlo il più possibile in tutti gli istituti. Grazie infatti alla comodità e velocità offerta dalla messa in rete, sarà agevole a chiunque accedere al patrimonio librario delle nostre scuole superiori aderenti all’iniziativa”.
Assessore Luciani: “Nel corso delle visite agli istituti superiori del nostro territorio sono rimasto molto colpito dalla cura e dall’amore con i quali vengono conservati i testi delle loro biblioteche e come essi siano per le scuole, motivo di orgoglio. Sono quindi molto soddisfatto dell’inserimento delle biblioteche scolastiche nel sistema bibliotecario provinciale in rete, perché questo dà la possibilità a tutti quei preziosi, e talvolta rari, testi di essere alla portata di un amplissimo numero di utenti., varcando i confini dell’istituto di appartenenza. Con la sigla di questo accordo possiamo dire di aver raggiunto un nuovo traguardo nella divulgazione della cultura tra i ragazzi e non”.

Condividi ora!