Università: dopo i test d’ingresso, al via la ricerca dell’alloggio per centinaia di studenti

di admin
Ben 105 i posti messi a disposizione dal COLLEGIO MAZZA per l’anno accademico 2010/11 (sedi di Padova e Verona). Aperte fino al 14 settembre le richieste di ammissione.

105 nuovi alloggi in 4 diverse strutture: è questa l’opportunità che il Collegio Universitario Don Nicola Mazza offre per l’a.a. 2010/11 agli studenti universitari degli Atenei di Verona e Padova. I moduli per le domande – aperte fino a martedì 14 settembre 2010 – sono disponibili online, consultando il sitowww.collegiomazza.it. La successiva ammissione avverrà dopo una selezione, prevista per il 15 e 16 settembre.
Le decine di studenti che anche quest’anno entreranno al Collegio Mazza, potranno non solo godere di un’offerta residenziale di qualità, ma anche usufruire di una serie di opportunità culturali e formative, dallo sport ai corsi di lingue ai viaggi all’estero.
«Anche se il bisogno primario di uno studente fuori sede è quello dell’alloggio – spiega Francesco Massagrande, Direttore Generale del Collegio Mazza – noi abbiamo ideato una proposta più completa, per sfruttare al massimo gli anni universitari: nelle nostre strutture gli studenti trovano non solo delle camere in cui dormire, ma spazi per coltivare l’indipendenza e le esigenze individuali – sport, cultura, studio – accanto a iniziative culturali, formative e di sviluppo professionale. Il tutto con vantaggi concreti anche per le famiglie, che possono contare su rette proporzionate al reddito e borse di studio, con un vantaggio economico complessivo sul costo dei servizi residenziali e formativi erogati».
Da una recente ricerca elaborata dalla CCU-Conferenza dei Collegi Universitari emerge che queste strutture – offrendo una serie di possibilità complementari all’alloggio, dai tutor ai convegni alle aree per il tempo libero – garantiscono migliori risultati agli studenti. Infatti il 52,1% dei laureati in un collegio universitario ha conseguito la laurea con il massimo dei voti (il dato nazionale ISTAT sulle università italiane è del 20,4%), il 57% dei residenti ha vissuto un’esperienza di studio all’estero (dato Almalaurea nazionale: 10%) e il 66% trova lavoro entro un anno dalla laurea (il 36% entro un mese).
Tra i plus offerti dal Collegio Mazza, anche numerose occasioni di scambio con Università ed enti di ricerca stranieri, agevolate da borse di studio integrative a supporto dei programmi Erasmus/Socrates/Leonardo o di progetti di ricerca e tesi all’estero. Particolari iniziative sono promosse per favorire l’incontro con il mondo del lavoro, come illustrato da Mirco Paoletto, responsabile progetti culturali e formazione del Collegio Mazza: «Oltre all’orientamento professionale, da qualche anno abbiamo avviato MImprendo, un progetto di collaborazione con Confindustria Padova, nell’ambito del quale varie aziende affidano a gruppi di studenti universitari stimolanti problemi reali – tecnici e non – legati alla propria attività d’impresa. Non un corso di formazione o un momento di studio teorico, ma un vero e proprio “laboratorio di idee” dove gli studenti sviluppano proposte concrete per l’innovazione delle aziende, in sinergia con gli stessi imprenditori. I ragazzi possono mettere in gioco il proprio talento in un contesto professionale, attraverso micro-progetti suggeriti dall’esperienza e dalla visione strategica di chi gestisce le imprese». «Questo tipo di iniziative – prosegue il dott. Paoletto – offre ai ragazzi la possibilità di maturare un’esperienza spendibile nel proprio curriculum, applicando il project management e quanto appreso nel corso dei loro studi in un contesto multidisciplinare e di gruppo».

Condividi ora!