Gigliola Cinquetti madrina della cerimonia di premiazione del XVI Film Festival della Lessinia

di admin
XVI Film Festival della Lessinia Bosco Chiesanuova (Verona – Italia), dal 21 al 29 agosto 2010.

Cresce l’attesa per conoscere i nomi dei vincitori della sedicesima edizione del Film Festival della Lessinia. La cerimonia di premiazione è prevista per sabato 28 agosto alle 18 al Teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova di Verona. Madrina è la cantante e conduttrice televisiva Gigliola Cinquetti.
Tra le opere cinematografiche in concorso quest’anno la giuria internazionale – presieduta dal giornalista Roberto Mantovani e composta dal documentarista Mario Casella, dal regista Ilian Metev, dalla documentarista Nataša Muntean e dalla regista Maria Teresa Tait – ha selezionato i vincitori dei premi Lessinia d’Oro (al miglior film per contenuto e valore artistico) e Lessinia d’Argento (alla migliore opera che documenta e valorizza la vita dell’uomo di montagna). Altri riconoscimenti verranno assegnati da Curatorium Cimbricum Veronense, Regione Veneto, Provincia di Verona, Comunità Montana della Lessinia, Parco Naturale della Lessinia e Cassa Rurale Bassa Vallagarina. Un Premio speciale alla memoria di Mario Pigozzi e Piero Piazzola verrà consegnato all’opera di un regista giovane, ci saranno infine due riconoscimenti attribuiti dal pubblico del Film Festival e dalla Giuria giovani.
Anche nella giornata di sabato proseguono, al Teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova, le proiezioni delle pellicole dell’edizione 2010. Per la sezione Altre montagne sono in programma, a partire dalle 15: The Charmer of Grammos – L’incantatore di Grammos di Vangelis Eftymiou (Grecia 2009), la storia di un anziano signore che sui Monti Grammos, nel nord-est della Grecia, cammina alla ricerca delle api, animali preziosi per l’equilibrio naturale, ma minacciati dall’inquinamento quindi sempre più rari. Con The Manali-Leh Highway. India’s Road to the Himalayas – L’autostrada Manali-Leh. La via indiana per l’Himalaya di Holger Preusse (Germania 2010) ci si sposta in Himalaya dove la strada che separa le città di Manali e Leh in Ladakh è considerata tra le più pericolose al mondo. A seguire Sepide Alam Keshid – È giunta l’alba di Reza Majlesi (Iran 2009), ambientato nelle inaccessibili terre del nord Iran, protette dalla catena montuosa dell’Alborz, dove una tribù vive secondo antiche e misteriose tradizioni, custodendone gelosamente i segreti. Infine La vita di Pier – The Life of Pier di Giovanni De Grandi e Paola Novarese (Italia 2010): montanaro quindicenne che, da quando è nato, trascorre ogni estate all’alpeggio.
Il Film Festival della Lessinia si chiude alle 21, con la visione di due documentari dedicati a Mario Rigoni Stern e all’Altipiano. Girato dal francese Jean-François Neplaz, il documentario AlpiniRitratti – Mario Rigoni Stern fa parte di una trilogia che il regista ha dedicato a tre grandi scrittori veneti del Novecento: Rigoni Stern, Luigi Meneghello e Andrea Zanzotto. A dialogare con loro l’attore Marco Paolini. Seduti nel profumo del legno della casa di Rigoni Stern, lo scrittore e l’attore ricordano su una carta geografica il percorso della lunga e terribile ritirata dalle rive del Don. Dai ricordi si passa al ritorno sull’Altipiano, alle difficoltà della vita che riprende dopo la guerra, al rapporto riconquistato con la sua terra, i suoi boschi, i suoi animali. Una lunga camminata sotto la neve è il momento poeticamente più intenso del film. (Francia 2010) ha inizio nella piazza di Asiago sotto una nevicata. “Sotto questa neve ci sono i miei ricordi”, racconta Mario Rigoni Stern. Le sue sono testimonianze e confessioni che sembrano rubate. Mario racconta del suo paese, della sua casa ai margini del bosco da dove parte per lunghe passeggiate. Ci sono i ricordi della guerra e le parole contro la guerra che Rigoni Stern negli ultimi anni di vita non si stancava di ripetere, soprattutto ai giovani. Ci sono le immagini, quasi segrete, di Rigoni Stern sciatore e cacciatore, in compagnia del suo cane. Realizzato da Carlo Mazzacurati nel 1999 il documentario.

Condividi ora!