“Opera d’argento 2010”

di admin
Provincia, Fondazione Arena e Atv insieme per portare i veronesi in Arena.

Stamattina ai Palazzi Scaligeri il presidente della Provincia Giovanni Miozzi e l’assessore alla Cultura Marco Ambrosini hanno presentato l’edizione 2010 di “Opera d’argento”, l’iniziativa che permette agli anziani che hanno svolto attività di volontariato di assistere gratuitamente ad alcune opere in Arena.
Erano presenti: per la Fondazione Arena il sovrintendente Francesco Girondini e il vice direttore artistico Giampiero Sobrino; il presidente del Consiglio provinciale Antonio Pastorello; per Provincia di Verona Turismo srl l’amministratore unico Loris Danielli.
Il progetto, ormai consolidato, propone alle persone ultrasessantenni che hanno svolto nella loro vita attività di volontariato nei comuni del territorio provinciale la possibilità di assistere ad alcune opere liriche in Arena, il tutto con la collaborazione di Fondazione Arena e ATV.
“Opera d’Argento”, fino all’anno scorso gestita dall’assessorato al Turismo, è passata quest’anno all’assessorato alla Cultura, con l’introduzione di alcune novità. Per migliorare la fruizione degli spettacoli lirici è stato inserito un servizio che ne prevede la spiegazione e l’introduzione a bordo degli autobus che accompagneranno gli spostamenti degli anziani in Arena.
Inoltre è stata completamente rinnovata la veste grafica, che quest’anno vede 5 distinti dépliant, uno per ogni opera, che racchiudono le storie delle varie opere, oltre alle date di tutti gli spettacoli previsti dall’iniziativa.
Anche quest’anno la Provincia ha messo a disposizione dei comuni 1.300 biglietti gratuiti, distribuiti in modo proporzionale alla densità di popolazione dei comuni, per la visione di 5 opere suddivise in 10 serate.
La collaborazione con l’Azienda Trasporti di Verona vedrà impegnati nel progetto 23 autobus di linea, che si alterneranno per andare a prendere gli anziani nei rispettivi comuni di residenza e li riaccompagneranno finito lo spettacolo. L’unica spesa a carico dei partecipanti sarà una compartecipazione al costo del biglietto, pari a 4,50 euro, di validità sia per l’andata che per il ritorno.
L’obiettivo dell’iniziativa è porgere da parte della Provincia di Verona un ringraziamento simbolico a coloro che nella vita si sono contraddistinti per il servizio e l’aiuto al prossimo.
Le opere di quest’anno saranno l’Aida, la Turandot, la Carmen, la Madama Butterfly e Il Trovatore. Le serate di Opera d’argento inizieranno il 13 luglio con lo spettacolo dell’Aida e termineranno il 20 agosto con la Turandot.
Il progetto mira ad unire la visione delle opere liriche a momenti di aggregazione sociale e culturale in uno splendido contesto, quello dell’anfiteatro areniano.
Opera d’argento è il nome che l’iniziativa ha assunto tre anni fa, evolvendosi nell’organizzazione e nella sua presentazione grafica con un logo apposito dell’evento, grazie alla collaborazione con la società Provincia di Verona Turismo.
Presidente Miozzi: “Mi piace molto l’iniziativa ‘Opera d’argento’ perché, rivolgendosi agli anziani, rappresenta un grande segnale di attenzione che la Provincia vuole dare ai suoi concittadini migliori. Permettere agli anziani che si sono impegnati nel volontariato di poter godere gratuitamente di uno spettacolo in Arena è un gesto di riconoscenza nei loro confronti. Inoltre, in questo modo è possibile avvicinare all’opera lirica anche coloro che magari non avrebbero la possibilità di andare”.
Assessore Ambrosini: “Credo che l’iniziativa, di valenza culturale e sociale, sia un’occasione importante per questi anziani che con la crisi hanno possibilità economiche limitate  E’ inoltre essenziale incentivare la conoscenza dell’opera lirica, che rispetto al passato è sempre meno diffusa. Per questi motivi, la Provincia si impegna nell’acquisto di biglietti in modo da mandare gratuitamente in Arena i veronesi. Il numero di posti disponibili aumenta ogni anno e quest’anno ci sono 1.300 biglietti, inviati ai comuni per un totale di 10 serate. In  questa edizione sono state inserite delle novità, infatti è stata rivista la veste grafica dei libretti informativi, i quali si differenziano in base all’opera in programma e che saranno distribuiti sugli autobus che conducono gli anziani all’arena. Voglio esprimere il mio ringraziamento alla Fondazione Arena e all’Azienda Trasporti di Verona, per la collaborazione in questa iniziativa che per il primo anno viene realizzata dall’assessorato alla Cultura mentre negli anni passati era dell’assessore al Volontariato”.
Sovrintendente Girondini: “Si tratta di un’iniziativa lodevole e doppiamente apprezzata, in quanto è rivolta ad un pubblico anziano e rappresenta una forma di promozione culturale nel territorio veronese. L’aspetto di promozione è molto importante in quanto solo l’8 % dei veronesi viene in arena per assistere a spettacoli di opera lirica. Considero ‘Opera d’argento’ un ottimo servizio per gli anziani e una buona occasione di promozione dell’opera lirica”.

Condividi ora!