Inaugurazione giornate della gerbera gialla a Peschiera

di admin
Il presidente del Consiglio comunale Pieralfonso Fratta Pasini, l’assessore alle Politiche giovanili Alberto Benetti e i consiglieri Orietta Salemi e Fabio Segattini (PD), Francesco Spangaro (lista Tosi), Enzo Flego (Lega Nord), Antonio Lella (AN) e hanno partecipato ieri, giovedì 27 maggio, alla prima delle due “Giornate della Gerbera Gialla” in svolgimento a Peschiera del Garda.

La manifestazione, organizzata dal Cordinamento nazionale antimafia Riferimenti con il patrocinio della Presidenza del Consiglio comunale di Verona, ha preso il via alle 14.30 con un viaggio in battello che ha fatto tappa nei porti di Bardolino e Salò. Presenti il sindaco di Peschiera  Umberto Chincarini, il presidente di Riferimenti Adriana Musella, la referente dell’associazione per il Veneto Maria Gallo, il Questore di Verona Vincenzo Stingone, il Comandante provinciale dei Carabinieri Paolo Edera, il comandante della compagnia dei Carabinieri di Peschiera Mario Marini, il presidente di Veronamercato Riccardo Caccia, il dirigente dell’Ufficio scolastico regionale Fernando Cerchiaro e provinciale Giovanni Pontara, la responsabile Interventi Educativi Usp Anna Lisa Tiberio, il tutor regionale della Consulta provinciale degli studenti del Veneto Andrea Wegher, il presidente Federfarma Verona Marco Bacchini, don Luigi Merola, Simona Dalla Chiesa e un centinaio di studenti provenienti da diverse regioni italiane. Dopo l’esibizione della banda dell’istituto comprensivo Montini di Castelnuovo del Garda, il battello è partito alla volta di Bardolino. Durante il tragitto si sono alternati gli interventi delle autorità e le testimonianze di studenti ed insegnanti di istituti campani che hanno partecipano a questo progetto itinerante. “Il Consiglio comunale di Verona – commenta Fratta Pasini – dopo aver conferito la cittadinanza onoraria a Roberto Saviano e dopo l’incontro con il Procuratore nazionale Piero Grasso, prosegue il suo impegno nel sostenere iniziative che promuovono la legalità coinvolgendo i giovani. Essere contro le mafie significa riaffermare la corresponsabilità e la centralità  del legame sociale. Per questo, come istituzione, dobbiamo contribuire all’educazione dei nostri ragazzi investendo nella cultura dei valori e della legalità, offrendo ai giovani sempre maggiori opportunità di confronto e informazione”.  Dopo il rientro a Peschiera, la manifestazione è proseguita presso la Rocca in piazza delle Armi con il concerto della Fanfara dell’Arma dei Carabinieri e uno spettacolo d’intrattenimento.

Condividi ora!