Torna domani Tao, l’appuntamento rivolto ai dealer e costruttori agricoli

di admin
Il mercato delle macchine agricole sotto la lente Breviglieri (Unacoma): da filiera 5mila posti di lavoro.

È questo il numero di addetti che servono per il settore dell’agrimeccanica, dalla fase di costruzione al settore di assistenza post-vendita. Alla seconda edizione, il «Tractor Agricultural Observatory» (Tao) riporta al centro del dibattito il comparto dell’agrimeccanica. Domani i focus a livello interprofessionale su usato e risorse umane. E sul decreto incentivi del ministero dello Sviluppo economico, Luciana Breviglieri di Unacoma annuncia l’overbooking: «I 20 milioni di euro disponibili sono terminati, ma chiederemo di utilizzare le risorse non impiegate in altri segmenti del provvedimento».
Il mercato delle macchine agricole torna sotto la lente di «Tao», il «Tractor Agricultural Observatory» di Fieragricola.
La missione è quella del rilancio del settore, rallentato nelle vendite di nuovi mezzi per gli strascichi di una crisi che sta assestando – si spera – gli ultimi morsi. E l’analisi di Luciana Breviglieri, vicepresidente di Unacoma (l’Unione nazionale dei costruttori di macchine agricole, aderente a Confindustria), in uno scenario in cui appare urgente un nuovo corso sulla formazione degli addetti ai lavori, porta in controluce una notizia positiva.
«La filiera della meccanizzazione agricola – afferma infatti Luciana Breviglieri – abbisogna di circa 5mila nuovi occupati, dalla produzione fino alla commercializzazione e al post-vendita».
Si cercano pertanto nuove risorse occupazionali. Con un taglio professionale innovativo, però. «Abbiamo esigenze specifiche per ogni comparto – prosegue – e servono concetti di meccatronica, una conoscenza anche negli aspetti tecnici di almeno una lingua straniera, progettisti in grado di operare con i software più evoluti in tridimensionale, ma anche persone formate nell’area del marketing».
Il percorso di formazione, secondo la delegata di Unacoma, dovrebbe poter partire da una sinergia concreta fra le imprese interessate, siano esse costruttori o dealer, e il mondo della scuola e dell’Università. «Purtroppo questo non avviene», ammette amareggiata.
Luciana Breviglieri tocca anche un altro argomento «caldo»: il decreto sviluppi, varato dal ministero dello Sviluppo economico lo scorso aprile e che ha messo a disposizione 20 milioni di euro per la rottamazione di trattori, macchine agricole e per il movimento terra. Fondi, a quanto pare, esauriti da un paio di settimane. «Fin da subito avevamo espresso perplessità sulla scarsità della dote finanziaria – riassume – senza dimenticare che sostanzialmente sono stati esclusi i contoterzisti dall’accesso alla misura. Chiederemo comunque di poter accedere a quei fondi, che non sono stati utilizzati in altre misure previste dal decreto sviluppo». Una sorta di overbooking, come avvenuto in ambito agricolo con i Piani di sviluppo rurale, in passato: le Regioni che non riuscivano a spendere tutto il proprio budget, lo dirottavano ad altre più «virtuose» o con maggiori necessità di investimenti.
Luciana Breviglieri sarà relatrice domani pomeriggio (Sala Respighi, ore 16,15-17,15) a Tao, proprio per la parte relativa alle «Risorse umane: nuove figure per il futuro dell’agrimeccanica». Un incontro al quale parteciperanno anche Maurizio Sala di Tao (scenari e passaggio generazionale) e Marco Maestrelli Crespi di Fieragricola-Veronafiere (l’esperienza Agrilabor).
In mattinata, invece, si parlerà di «Usato in agrimeccanica: occasione unica per generare profitti» (Sala Respighi, ore 11,30-12,30). Coordinati dal giornalista Alberto Cocchi (che parlerà anche di scenari e proposte per l’usato), interverranno Nicoletta Foglino di AgriAffaire (l’importanza di Internet), Roberto Martinetto di Eurotax Agri (indagini e prezzi), Nicola Nicelli di Ritchie & Bros (l’asta di usato come luogo di affari). Il direttore di Mad-Macchine agricole domani, Marco Limina, modererà invece il dibattito tra Fabrizio Dalla Vecchia e Giovanni Billi, due tra i più importanti concessionari di macchine agricole.
I dealer di trattori e macchine agricole potranno visitare l’evento Tractor Agricultural Observatory (TAO) nel contesto di Automotive Dealer Day (26 e 27 maggio), che registra oltre 10mila metri quadrati di area espositiva e più di 50 workshop dedicati alla gestione della concessionaria.

Condividi ora!