Presentazione della nuova formazione per la Protezione Civile veronese

di admin
Rischio ferroviario: il primo corso nel Veneto. Verona è un crocevia importante.

Stamattina, nella sala Rossa del palazzo Scaligero, l’assessore alla Protezione Civile Giuliano Zigiotto ha presentato i corsi di formazione, organizzati dalla Provincia, sulle nuove competenze necessarie ai volontari, come il rischio ferroviario, l’allestimento di un campo base e l’addetto di sala operativa.
Erano presenti Alberto Bozza e Mauro Grezzani, consiglieri provinciali; Silvio Bartolomei, direttore del Centro di Formazione Regionale di Longarone; Armando Lorenzini, dell’unità operativa della Protezione Civile della Provincia; Cristina Morini, presidente Ediesse Onlus; Marco Siciliano, della cooperativa Terra di Mezzo e un gruppo di volontari della Protezione Civile.
Si tratta di 15 corsi, suddivisi in 8 tipologie, che avranno il compito di formare ben 365 volontari, da maggio a fine 2010. In totale saranno più di 300 ore formative, suddivise in parte teorica (lezione frontale, gruppi di lavoro) ed in parte pratica, con test di apprendimento finale. L’obiettivo rimane il conseguimento di una maggiore specializzazione dei volontari per rendere efficace ed efficiente ogni intervento, sia in caso di emergenza sia nella routine della “non emergenza”.
Il corso sul rischio ferroviario è il primo nel Veneto e verrà realizzato a Verona per la peculiarità del territorio, che è un crocevia ferroviario importante. Le lezioni formeranno i volontari necessari a gestire il soccorso delle popolazioni eventualmente colpite dal disastro.
I corsi specifici, come la guida in sicurezza dei mezzi della protezione civile o il corso di guida dei mezzi fuoristrada, rivestono un tipo di formazione continua che la Provincia sta perseguendo da ormai sette anni. Oltre ai corsi di specializzazione si svolgeranno anche corsi per tutti coloro che, data la grande sensibilizzazione avvenuta a seguito della gestione dell’emergenza in Abruzzo, vogliono avvicinarsi al mondo della Protezione Civile: saranno 6 infatti i corsi base per i nuovi volontari.
Infine si terrà un corso per insegnare ai volontari come diffondere e promuovere al meglio la coscienza della protezione civile. Si prepareranno insomma i volontari a spiegare cosa è e cosa fa la protezione civile alle scuole, agli enti pubblici, agli amministratori.
Nell’ambito del sistema della Protezione Civile, la Provincia svolge il ruolo di collegamento tra la struttura regionale e quella dei gruppi comunali e delle associazioni di volontariato. Oltre al coordinamento in caso di emergenze, come durante il terremoto in Abruzzo, la Provincia ha il compito di programmare una serie di attività di formazione e di addestramento con i gruppi di volontariato presenti sull’intero territorio di competenza. Per questo motivo l’azione che dal 2010 la Provincia ha intrapreso è stata quella di incentivare e sostenere la formazione nei distretti, per favorire allo stesso tempo l’aggregazione e la valorizzazione dei volontari veronesi con attività di confronto ed aggiornamento dei volontari stessi.
Zigiotto: “Il nostro ruolo è quello di collegamento fra le direttive regionali e le strutture comunali. Siamo l’anello operativo della complessa macchina di protezione civile, per questo ci sta molto a cuore la sua completa efficienza. Questi corsi serviranno a formare nuovi volontari ma anche a perfezionare gli interventi in eventi come gli incidenti ferroviari”.
Bartolomei: “Queste iniziative testimoniano l’importanza della sinergia di lavoro con le Province e la volontà della Regione di coordinare al meglio tutte le nostre attività. Oggi siamo qui a confermare la priorità di questo impegno formativo, compresa la novità del corso per rischi ferroviari, una tipologia su cui finora i volontari veneti non si sono cimentati”.
Lorenzini: “Il primo corso partirà all’inizio di maggio a Sant’Ambrogio e si andrà avanti fino a novembre. I singoli gruppi comunali ospiteranno le lezioni e, in alcuni casi, porteremo in aula l’esperienza che abbiamo maturato nel lungo periodo passato nel campo sfollati in Abruzzo”.
Bozza: “La Protezione Civile è una realtà fatta di persone serie e preparate: il processo di formazione dei volontari svolge un ruolo fondamentale. Bisogna invogliare i giovani a diventare volontari, spiegando loro l’importanza che ricopre la Protezione Civile nella nostra società. Sono convinto che l’istituzione di nuovi corsi possa favorire il coinvolgimento di molti ragazzi e delle scuole”.
PROGRAMMA DEI CORSI
Corso rischio ferroviario
1° SESSIONE – SANT’AMBROGIO DI V.LLA
7-8-9 MAGGIO 2010
2° SESSIONE –  MOZZECANE
28-29-30 MAGGIO 2010
Corso Sala Operativa
1° SESSIONE – SEDE PC COMUNE DI VERONA A S. MARTA –  VERONA
12-13-14-15-16 MAGGIO 2010  
 2° SESSIONE – CAPRINO V.SE
19-20-21-22-23 MAGGIO 2010  
Corso monitori scuole
(formatore in materia di protezione civile presso le scuole)
UNICA SESSIONE – CASTELNUOVO DEL GARDA
4.5.6GIUGNO 2010
Corso guida mezzi fuoristrada
UNICA SESSIONE – RIVOLI VERONESE
11, 12, 13 giugno 2010
Corso operatori cucine da campo
UNICA SESSIONE – TREGNAGO
Data da definire
Corso guida sicura dei mezzi di protezione civile
UNICA SESSIONE CASTELNUOVO
Data da definire
Corso campo base di protezione civile
1° SESSIONE – SEDE PC COMUNE DI VERONA A S. MARTA –  VERONA
1-2-3 OTTOBRE 2010           
2° SESSIONE – sede da definire
8-9-10 OTTOBRE 2010
Corso base di protezione civile
1° CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE
SANT’AMBROGIO DI VALPOLICELLA
20-21-22-23 MAGGIO 2010
2° CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE
COLOGNA VENETA
20-21-22-23 MAGGIO 2010
3° CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE
CASTELNUOVO DEL GARDA
8-9-10-11 LUGLIO 2010
4° CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE
CAPRINO VERONESE
23-24-25-26 SETTEMBRE 2010
5° CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE
ISOLA DELLA SCALA
4-5-6-7 NOVEMBRE 2010
6° CORSO BASE DI PROTEZIONE CIVILE
25-26-27-28 NOVEMBRE 2010
VERONA.

Condividi ora!