Confidi Veneto, approvato il bilancio 2009 ed eletto il Consiglio

di admin
Aumentano i soci e i finanziamenti, Maurizio Danese presidente

L’assemblea dei soci di Confidi Veneto, cooperativa di garanzia della Confcommercio di Verona-Imprese per l’Italia, ha approvato questa mattina il bilancio 2009 – dal quale emergono indicatori confortanti – rinnovando poi all’unanimità il Consiglio,  espressione dei vertici della stessa Confcommercio.
Confidi ha chiuso un 2009 positivo: il numero dei soci è arrivato a quota 6.128, con un incremento di 490 unità rispetto al 2008; nel corso dell’anno sono state rilasciate fidejussioni per 12.816.844 euro che, al netto dei rientri e delle estinzioni anticipate, portano ad un finanziamento complessivo di 51.911.486 euro (1.020.042 euro in più rispetto ai dodici mesi precedenti). Il rischio complessivo corrisponde a 23.538.348 euro. Gli importi si riferiscono a 1.552 pratiche, rispetto alle 1.426 del 2008. Sono state deliberate 711 nuove domande di garanzia rispetto alle 601 dell’anno precedente, con un incremento del 18,3%.
Quanto allo stato patrimoniale, l’attivo presenta immobilizzi per 7.914.162 euro con liquidità e crediti per 5.917.754 euro; nelle passività i mezzi propri ammontano a 5.593.952 euro, il Fondo Rischi e Finanziamenti subordinati è pari invece a 5.712.025 euro. Con altre passività pari a 2.525.940 euro, lo stato patrimoniale pareggia a 13.831.917 euro, a fronte degli 11.485.666 dell’anno precedente.
Il conto economico si chiude con un risultato netto positivo per 45.383,83 euro dopo aver accantonato imposte per 15.957 euro; come da norma di legge, i “Confidi” non possono distribuire l’avanzo di gestione e pertanto il consiglio di amministrazione ha proposto all’assemblea di destinare l’utile per il 30% a riserva legale (13.615,15 euro)  ed il restante 70% a riserva statutaria (31.768,68 euro).
Successivamente l’assemblea ha eletto all’unanimità il nuovo Consiglio per quanto concerne la provincia di Verona che esprime 8 candidati, mentre domani si terranno le assemblee delle unità locali di Rovigo e Treviso che selezioneranno ognuna un candidato (il singolo amministratore provinciale di competenza) per il Consiglio, che risulterà composto da 13 membri complessivi, 11 dei quali veronesi.
Alla presidenza è stato eletto Maurizio Danese – vicepresidente vicario di Confcommercio Verona – che diventerà quindi numero uno di Confidi Veneto; vicepresidenti vicari l’ex presidente Elvio Pedini Boni e Paolo Tosi; consiglieri Nicola Baldo, Claudio Rama, Mirco Bresciani, Gianpaolo Polato e Claudia Speri.  In Consiglio siederanno inoltre – insieme ai due esponenti di Rovigo e Treviso –  Fernando Morando (in rappresentanza della Camera di Commercio), Paolo Artelio e Roberta Girelli,  i quali verranno cooptati al primo consiglio.
In Collegio sindacale confermati Adriano Baso (presidente), Martino Dall’Oca e, quale new entry, Emilio Cavazza.
Notevole la soddisfazione del presidente di Confcommercio Verona, Paolo Arena: “Confidi entra a tutti gli effetti a far parte di Confcommercio Verona che migliorerà il servizio di finanziamento e consulenza finanziaria ai soci. Un grande obiettivo quello raggiunto oggi  dalla nostra organizzazione, che potrà ora ampliare la propria base associativa grazie agli oltre 6.000 soci di Confidi. Le nomine sono state votate all’unanimità a conferma della solidità e della capacità d’intesa della nostra Confcommercio, sempre più rappresentativa”.
“Il fatto che Confidi  e Confcommercio siano ora un’unica realtà – ha detto il neo presidente Danese – migliorerà la strategie complessive. La nuova squadra punterà a entrare nelle imprese per fare cultura finanziaria”.
“Negli anni della mia presidenza abbiamo svolto un lavoro intenso e positivo come dimostrano i numeri presentati in assemblea”, ha spiegato il vicepresidente Pedini Boni. “Sono certo che il futuro ci porterà molte altre soddisfazioni”.

Condividi ora!