Lavori di riqualificazione parcheggio di via Bangasi e del percorso ciclo-pedonale parco S.Giacomo

di admin
Prenderà il via la prossima settimana l’ultima fase degli interventi per il completamento del nuovo parco di San Giacomo, con la riqualificazione e l’ampliamento del parcheggio di via Bengasi, di fronte al policlinico di Borgo Roma, e la realizzazione di una pista ciclo-pedonale lungo via Tunisi, sui lati sud ed est del parco.

Gli interventi, che avranno un costo complessivo di 130 mila euro, sono stati illustrati questa mattina a Palazzo Barbieri dall’assessore ai Giardini ed Arredo urbano Paolo Tosato insieme al presidente della 5ª Circoscrizione Fabio Venturi ed al presidente della commissione consiliare Urbanistica Marco Comencini. “Il primo intervento, che riguarda un’area di circa 8 mila metri quadri ed avrà un costo di 60 mila euro – ha spiegato Tosato – prevede la riqualificazione dell’attuale parcheggio, con la creazione di circa 100 posti auto in più rispetto agli attuali e la realizzazione, all’interno dell’area di sosta, di un tratto di pista ciclabile di collegamento dall’uscita del parco fino all’entrata del Policlinico Borgo Roma”. I lavori prevedono, inoltre, la realizzazione di due aiuole verdi al centro del parcheggio, con l’installazione di un nuovo impianto di irrigazione a goccia; il rifacimento dei due accessi carrai esistenti; la realizzazione lungo via Bengasi di un marciapiede per la messa in sicurezza dei pedoni. “Il secondo intervento, che avrà un costo di circa 70 mila euro – ha aggiunto l’assessore –  prevede la realizzazione, all’interno del parco, di un nuovo tratto di pista ciclo-pedonale che permetterà di collegare la già esistente ciclabile di via San Giacomo con via Tunisi e con l’ospedale di Borgo Roma”. Inoltre, sono previsti la piantumazione, lungo i due lati della nuova pista, di un doppio filare di piante; il rifacimento del marciapiede esistente; la realizzazione degli accessi alla pista ciclabile, con abbassamento del marciapiede, per il passaggio delle biciclette e delle persone diversamente abili.

Condividi ora!